sergionava

Trecentotrentesima puntata di “Giovani Talenti” – Radio 24

In Fuga dei giovani on 28 maggio 2016 at 09:00

Trecentotrentesima puntata di “Giovani Talenti“, la trasmissione di Radio 24 che vi racconta -ogni settimana- la nuova emigrazione professionale italiana.

Voliamo oggi fino in Messico, per raccontarvi come si costruisce una carriera pienamente internazionale. In tempi di perdurante difficoltà per i giovani italiani, così come recentemente confermato dall’Istat… un’altra strada è possibile. Anche attraverso programmi internazionali.

Appuntamento -per saperne di più- alle 13.30 (CET) su Radio 24!

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di maggio: “Dati Aire alla mano, oltre la metà degli emigrati italiani nel 2015 aveva tra i 20 e i 40 anni. E’ la prima volta che succede, nella fase più recente di espatrio. E’ un’emigrazione sempre più concentrata nella fascia giovane e produttiva della popolazione, secondo voi? E se sì, questo nasconde più rischi od opportunità… per il sistema-Paese?”.

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #giovanitalentiue

Il link al blog del programma: CLICCA QUI

Le frequenze di Radio 24: CLICCA QUI

Il Podcast di Radio 24 (per chi volesse ascoltare la puntata registrata o si trovasse all’estero): CLICCA QUI

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Una questione di soldi

In Giovani Italians on 25 maggio 2016 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

L’Istat ha recentemente fotografato le persistenti difficoltà che caratterizzano la vita dei giovani italiani: sono sempre di meno, troppo qualificati rispetto ai lavori che svolgono, con contratti spesso e volentieri a tempo. Giovani che -anche quando studiano a livello universitario- sono nei fatti obbligati a proseguire la carriera accademica, per evitare di restare a piedi. Così sei su dieci rimangono a casa con i genitori. E oltre due milioni di loro continuano ad essere inattivi.

Per chi volesse saperne di più, a questo link sono disponibili tutti gli approfondimenti.

Noi oggi ci limitiamo ad aggiungere un solo dato, ma molto significativo, che spiega perché i nostri migliori talenti, potendo, scelgono l’estero.

E’ anche una questione di soldi, sì: secondo un’indagine Willis Towes Watson, i nostri giovani, all’ingresso nel mercato del lavoro, percepiscono una media di 27mila euro annui. Gli spagnoli sono a 30.700 euro, i francesi a 33.400, i britannici a 33.600, i tedeschi a 47mila, gli svizzeri a 83.600 (!)

Serve altro?

 

 

Ricercatrice e Imprenditrice in Texas

In Storie di Talenti on 23 maggio 2016 at 09:00

Qui in America ho l’impressione che ci siano molte opportunità per avviare start-up: ci sono numerosi programmi che puntano alla commercializzazione e allo sviluppo di nuove tecnologie, e ci sono molti fondi governativi per aiutare il finanziamento -in particolare iniziale- di imprese innovative“: così descrive Francesca Mirri, 28enne ricercatrice e imprenditrice innovativa in Texas, l’ecosistema a stelle e strisce.

La carriera di Francesca prende le mosse con una laurea triennale in Ingegneria Chimica all’Università di Bologna: un percorso assolutamente normale, che vira improvvisamente verso l’estero dopo una sua vacanza -nel 2009- a Houston: “non avevo mai pensato alla possibilità di trasferirmi in Texas per un dottorato. Avevo appena finito tutti gli esami della triennale, e avevo in mente di tornare in Italia per discutere la tesi e iniziare la specialistica“, ricorda a distanza di anni.

Tuttavia, l’incontro con la nuova realtà la convince a proseguire: Francesca si trasferisce in Texas, per un dottorato di ricerca, che trova la sua naturale prosecuzione nell’avvio di una start-up. DexMat, che negli ultimi mesi le vale l’inserimento nella prestigiosa lista di Forbes dei 30 migliori talenti under 30, all’interno della sezione “Manifacturing and Industry”.

Ospite della puntata è Matteo Pasquali, professore di Ingegneria Chimica e Biomolecolare, e direttore del Dipartimento di Chimica alla Rice University: il professor Pasquali è entrato attivamente nella start-up di Francesca. Ci spiega perché Oltreoceano sia così diffuso il modello dei docenti che stimolano in prima persona l’avvio di imprese innovative da parte di ricercatori e studenti. E quali vantaggi comporta.

Nella rubrica “Expats” spazio alla testata “IT Factor”, online e su carta a cadenza bimestrale, che racconta l’Italia -e gli italiani- agli inglesi. Ce ne parla da Londra la redattrice Caroline Latini.

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di maggio: “Dati Aire alla mano, oltre la metà degli emigrati italiani nel 2015 aveva tra i 20 e i 40 anni. E’ la prima volta che succede, nella fase più recente di espatrio. E’ un’emigrazione sempre più concentrata nella fascia giovane e produttiva della popolazione, secondo voi? E se sì, questo nasconde più rischi od opportunità… per il sistema-Paese?”

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #giovanitalentiue

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Alla prossima puntata: sabato 28 maggio, dalle 13.30 alle 14 (CET), su Radio 24

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 1.213 follower