sergionava

Archive for febbraio 2013|Monthly archive page

Iniziativa #Zerotitoli – Stop all’incompetenza della classe dirigente

In Lettere e Proposte on 27 febbraio 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Le recenti vicende di cronaca hanno messo sotto il naso di tutti quanto sospettavamo ormai da tempo, in merito alla “competenza” della presunta classe dirigente italiana: semplicemente, questa “classe dirigente” non ha titoli. E anche quando li produce, c’è il rischio che siano millantati.

Il caso del giornalista Giannino, che è riuscito nella non facile impresa di far credere per anni di avere non una, ma due lauree (!), oltre che un Master all’estero (addirittura a Chicago, addirittura nello stesso ateneo del collega di partito Luigi Zingales – che l’ha fortunatamente smascherato), fa il paio con un altro caso di cronaca.

Ovviamente diverso per gravità e tipologia, ma altrettanto significativo. Quello, passato molto più in sordina, di Giuseppe Biesuz, indicato dalla Regione Lombardia nel 2008 come direttore generale delle Ferrovie Nord Milano, dopo aver vinto un concorso. A dicembre 2012 Biesuz, 51 anni, viene arrestato per bancarotta. Nel corso dell’inchiesta, si scopre che aveva vinto il concorso pubblico producendo un’inesistente Laurea in Economia e Commercio (mica puoi nominare un semplice diplomato a quella posizione, quindi una laurea -anche finta- serviva). Lasciamo infine perdere il fatto -come denuncia l’articolo de “La Repubblica”, dal quale abbiamo attinto queste informazioni- che Biesuz avrebbe persino sbianchettato otto lievi precedenti penali dal curriculum.

Episodi che fanno il tris con la laurea “albanese” del figlio di Umberto Bossi: episodi che rappresentanto la spia del’allarme rosso di una classe dirigente italiana “Zero Titoli”. Dobbiamo ricordare come, sulla base di alcune statistiche riportate anche su questo blog, metà dei manager italiani non sono neppure laureati? Metà!

Prima che qualcuno avanzi la solita (e forse corretta, sotto certi punti di vista) critica, secondo cui la differenza tra le reali capacità delle persone non la fa un pezzo di carta (ma perché poi le lauree, allora poi le millantano, se non servono a nulla?), vorrei ricordare che questa classe dirigente anziana e senza titoli che guida il Paese non è certo l’unica alternativa che abbiamo.

All’estero (e anche in Italia) abbiamo una classe dirigente potenziale che vanta fior di lauree e Master, oltre a esperienze vere di lavoro e studio all’estero, che tutti i personaggi precedentemente citati hanno probabilmente visto solo col binocolo. L’alternativa c’è, esiste. Peccato solo che questa alternativa, questa classe dirigente titolata e potenziale, la facciamo scappare da oltre 20 anni fuori dai nostri confini. E se resta qui la reprimiamo, le tagliamo le ali, per paura che cambi troppi cose, che sovverta uno “status quo” che ormai emana una puzza cadaverica, tanto è marcio…

Qui resta insomma solo una classe dirigente “zero titoli”, che in 20 anni ci ha fatto retrocedere in tutte le classifiche internazionali. Tutte. Mentre i nostri assi nella manica lavorano fuori, arricchendo con le loro competenze Paesi stranieri. Complimenti…

+++DA QUI L’INIZIATIVA, CUI INVITO TUTTI I LETTORI DEL BLOG AD ADERIRE+++

Un’iniziativa social, alla quale chiamo tutti a raccolta: più si è, più si riesce a far passare il messaggio:

FACEBOOK – “postate” sui vostri profili il seguente messaggio: “No agli incompetenti alla guida dell’Italia. Io la mia laurea -vera- me la sono sudata. Le mie esperienze -certificate- di studio e lavoro all’estero le ho fatte. Fuori gli #zerotitoli dall’Italia! Riportiamo a casa i nostri veri #talenti!

TWITTER: l’hashtag di riferimento è #zerotitoli

Spread the word!!!

Annunci

“In Italia, l’Illusione è l’unica realtà”

In Declino Italia on 26 febbraio 2013 at 14:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Un Paese che non vuole accettare la dura realtà di un mondo che è cambiato, un Paese che si trastulla nelle illusioni e nei sogni venduti low cost. Che guarda sempre a un passato che non  tornerà mai più, anche nei programmi politici… invece di cercare di capire come sarà il futuro. E quale sarà il suo posto nel mondo (se ci sarà) nei prossimi anni.

Illuminante analisi dello scrittore Tim Parks, da 32 anni residente in Italia. Che il 23 febbraio aveva già capito come sarebbe andata a finire. Analisi con cui non si può che essere d’accordo al 101%. E che lascia, spiace dirlo, ben poche speranze. Spiace davvero.

Da “The New York Times”, 23 febbraio – clicca qui per leggere l’articolo sul sito del NYT

In Italy, Illusion Is the Only Reality

By TIM PARKS

IT takes a certain talent to live in happy denial, to slide toward the edge of a precipice and be perfectly relaxed about it. Of all the talents that Italians are renowned for, such nonchalance is perhaps their greatest. Their economy is in deep recession; more than one in three young adults are unemployed; they are unable to compete economically with their neighbors; yet they continue as if nothing were happening, or as if a small glitch in the dolce vita could be fixed with the wave of a wand.

In particular, whether in awe or horror, they continue to be enchanted by the pied piper Silvio Berlusconi, the former and perhaps future prime minister and fabulously wealthy media magnate. In the run-up to the elections that begin today, he has promised to abolish the stiff property tax that was introduced by the previous government and is largely responsible for bringing a little credibility back to the country’s finances (and that he voted for himself when it was introduced). Not only would he abolish it, but he would actually pay back what Italians paid on it last year.

The announcement, despite coming from a man who has repeatedly failed to turn even the most promising political and economic circumstances into anything resembling the collective good, earned Mr. Berlusconi a considerable leap in the polls.

I have lived in Italy for 32 years. One of the first things that struck me was the relation between action and consequence, which is different in the other countries I knew, Britain and the United States. Here someone is found to have abused their position of public office — given jobs to relatives, accepted bribes, spent public money on personal pleasures — but does not resign, does not think of resigning, attacks the moralists and sails on regardless.

Statistics show that tax evasion is endemic, and the more so the more one moves south, to the point that around Naples, dentists declare lower incomes than policemen. Needless to say, the fiscal shortfall has to be made up with government borrowing and higher taxes for those who do pay.

Meanwhile, though sports is glaringly corrupt, fans are as passionate as ever. As the owner of the big soccer club A. C. Milan, Mr. Berlusconi decided, at the beginning of his campaign, to buy the star striker Mario Balotelli. Again he was rewarded in the opinion polls.

The constant discrepancy between how one might expect things to pan out and how they actually do is nothing new. On a tour through Italy in 1869, Mark Twain wrote, “I can not understand how a bankrupt Government can have such palatial railroad depots.”

Things don’t change. Italy recently completed Europe’s fastest train service; one can travel the 360 miles from Milan to Rome nonstop in just 2 hours and 45 minutes. In a country with a huge debt, this wonderful engineering feat has cost an astonishing 150 billion euros (about $200 billion).

Nobody seems sure where the investment came from or how the project will be paid for. One thing is certain: much of the money that legally should have been allotted to local services must have found its way to the high-speed project; to accommodate the few going fast, hosts of working people grind to the office in dirty, overcrowded trains. But what matters is the gleaming image of progress that the service projects.

Benito Mussolini, perhaps the first great propagandist of the modern era, understood perfectly this aspect of Italian psychology. “It is faith which moves mountains because it gives the illusion that mountains move,” he said. “Illusion is perhaps the only reality in life.”

On Jan. 27, at a ceremony for the national Holocaust remembrance day, Mr. Berlusconi felt it was the right time to say that Mussolini had actually done many good things and was not such a bad guy. He was rewarded with another upward twitch in the opinion polls.

It is the constant impression of people outside Italy that Mr. Berlusconi is some kind of evil buffoon and that the vast majority of Italians repudiate him. They cannot understand how a man so constantly on trial for all kinds of corruption, a man with a huge conflict of interest (he owns three national TV channels and large chunks of the country’s publishing industry), remains at the center of power.

The answer, aside from the extraordinarily slow and complex judiciary and a distressing lack of truly independent journalism, is that Mr. Berlusconi’s political instincts mesh perfectly with the collective determination not to face the truth, which again combines with deep fear that a more serious leader might ask too much of them. One of the things he has promised is a pardon for tax evaders. Only in a country where tax evasion is endemic can one appeal to evaders at the expense of those who actually pay taxes.

The mirror image of Mr. Berlusconi might be the caretaker prime minister Mario Monti, an unelected professor of economics, who took over in late 2011, in the middle of the euro crisis. Foreign observers are convinced Mr. Monti did a great job and deserves re-election; this is naïve. As many Italians see it (and I agree), the professor merely bowed to pressure from Berlin, cut spending where there was least resistance and taxed everybody without regard to income. His election campaign, based on a rhetoric of dour seriousness, has been disappointing. As a colleague remarked, if one is to be fleeced by the government anyway, better the entertainer than the pedant.

One entertainer seeking to capitalize on the situation is Beppe Grillo, a rowdy ex-comedian-turned-political blogger whose Five Star Movement proposes to sweep away the corrupt political order and promises a utopia of salaries for the unemployed and a 30-hour workweek. Mr. Grillo’s style is so demagogical and his party so dependent on his inflammatory charisma that the 20 percent of the electorate supposedly planning to vote for him must surely have decided that it simply does not matter if the country is ungovernable after the elections.

Alternately, it may be that people feel that nothing can be done anyway, so great is the power exercised over Italy by the European Union; hence it is largely unimportant whom they vote for. Perhaps it is the effect of centuries of Catholic paternalism and reckless electoral promises, but nobody seems to envision a practical series of reforms to get from where we are now to where we might want to be; in its place there are prayers and fiscal fantasies.

Mussolini later corrected his comments on illusion. “It is impossible to ignore reality,” he said, “however sad.” One wonders, as this election approaches, how near Italy is to the moment when denial is no longer possible. I imagine Mr. Berlusconi re-elected and the stock market crashing, the country’s international credibility melting away so that he must be removed in a matter of days. But then perhaps Italy’s woes will be attributed to the perversities of international finance.

What is never countenanced is the notion that one has made very serious mistakes, or that one might really have to adjust to a reality where economic initiative has shifted decisively to the East, and investment capital with it. Almost every political program in Italy expresses a desire to return to the past, rather than understand the country’s place in a changed world.

Tim Parks is a novelist and translator and the author of the forthcoming book “Italian Ways: On and Off the Rails From Milan to Palermo.”

Il mondo ci chiede: fermate la fuga dei talenti!

In Fuga dei giovani on 26 febbraio 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

A urne chiuse, restano i problemi. A chi pensasse che fossero spariti con due giorni di voto, ricordiamo che non è così.

Tutto ciò -precisiamo- al netto di risultati elettorali semplicemente disastrosi, con un panorama di ingovernabilità all’orizzonte, che lascia davvero poco sperare, per il futuro. L’Italia rischia di perdere tutto lo scarso tempo a disposizione per cogliere l’ultimo treno delle riforme e della modernizzazione, con mesi di prolungata incertezza politica.

Per farvi un’idea di come la pensino, sui risultati delle elezioni, i nostri giovani all’estero, cercate il Gruppo Facebook “La Fuga dei Talenti”, dove abbiamo lanciato il seguente sondaggio: dopo il risultato delle elezioni, cosa prevale in voi: la voglia di scappare, la voglia di restare, la voglia di tornare (per chi è all’estero)? I primi risultati -vi anticipiamo- non fanno ben sperare…

Ma torniamo ai temi del blog. Che abbiamo un problema ce lo ricordano, in primis, i giornalisti della stampa estera. Le ultime settimane sono state piuttosto ricche di spunti, in questo senso. Di seguito una rassegna stampa da leggere… e da ascoltare:

-la radio pubblica della Svizzera tedesca DRS ha dedicato un servizio ai giovani in fuga dall’Italia, che ha avuto al centro la trasmissione “Giovani Talenti” di Radio 24: CLICCA QUI PER ASCOLTARE IL SERVIZIO DELLA DRS (in tedesco)

-di “Giovani Talenti” ha parlato anche il quotidiano giapponese Mainichi, in un articolo pre-elettorale. L’articolo è in giapponese, se qualcuno ci aiutasse a tradurlo gli/le daremmo ovviamente una menzione speciale su “La Fuga dei Talenti”. CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO DI MAINICHI (in giapponese)

-splendido articolo e reportage della BBC sulla pratica nepotistica e della raccomandazione, che sta affossando l’Italia. “Nepotism alive and kicking in Italy“, scrive il corrispondente Ed Butler. Che ci ricorda come, in tema di raccomandazione, siamo rimasti fermi al Medioevo. CLICCA QUI PER LEGGERE E ASCOLTARE IL REPORTAGE DELLA BBC (in inglese)

-di fuga dei talenti italiana si è occupato anche il quotidiano britannico “The Guardian”, che parla di una generazione dimenticata, in cerca di opportunità all’estero. Anche qui l’articolo è pre-elettorale: “Italy’s election: the forgotten generation seeking opportunities abroad“. Lo spunto lo offre il documentario “Emergency Exit“, di cui ci siamo recentemente occupati anche noi. CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO DEL THE GUARDIAN (in inglese)

-infine, torna sul tema anche l’agenzia di stampa Reuters, con un altro articolo-reportage, che denuncia senza mezzi termini: quella degli ultimi anni è un’emigrazione diversa. L’Italia sta perdendo le sue energie migliori. CLICCA QUI PER LEGGERE L’INCHIESTA DELLA REUTERS (in inglese)

Per venire alla stampa di casa nostra, come non ricordare l’articolo di domenica sul Corriere della Sera, che denuncia il crescente esodo di ingegneri e informatici bresciani verso la Malesia, dove trovano distretti tecnologici altamente innovativi, stipendi doppi rispetto a quelli italiani, casa e volo per tornare a casa gratis?

Sveglia, Italia! It’s time to re-start. Questa è davvero l’ultima chance.

Un Ingegnere “catalano”

In Storie di Talenti on 25 febbraio 2013 at 09:00

L’Erasmus apre le porte alla globalizzazione, permette allo studente di abituarsi a una nuova realtà e acquisire un know-how, utile soprattutto in caso di cambi repentini e importanti“: Giuseppe Gugliotta, 37enne ingegnere e titolare di un proprio studio nei pressi di Barcellona, sintetizza così i benefici dell’esperienza di studio universitaria, che l’ha proiettato verso la successiva carriera all’estero.

La storia di Giuseppe affonda le radici nella sua Calabria, da cui parte -a 25 anni- per una borsa di studio Erasmus in Catalunya. All’epoca Giuseppe era studente di Ingegneria: “fu come un salto nel buio“, ricorda ora, “ma affrontato con piena fiducia nei propri mezzi. Il cambio di città coincise con un cambio di mentalità“.

L’anno di Erasmus modifica radicalmente la vita di Giuseppe, che -una volta rientrato in Italia e laureatosi- decide di tornare a cercare fortuna in terra catalana. E’ l’estate del 2003: l’atterraggio a Barcellona, in cerca di lavoro, si rivela inizialmente più difficile del previsto. Ad agosto tutti gli uffici sono chiusi, per cui deve adattarsi a un impiego temporaneo come cameriere. Tra settembre e ottobre arrivano i primi colloqui di lavoro, che si rivelano una sorpresa – purtroppo negativa: “il mio profilo non era appetibile alla maggior parte delle aziende. La preparazione teorica di qualità della vecchia università italiana e la totale inesperienza tecnica a 28 anni erano aspetti sfavorevoli all’assunzione“, ricorda sempre Giuseppe, che annota: “il sistema di studi spagnolo permette agli studenti di ingegneria il lavoro part-time presso studi tecnici convenzionati con l’università, per cui a 25-26 anni sforna ingegneri con l’esperienza necessaria per essere produttivi“.

La Spagna del boom non rifiuta comunque un’opportunità a Giuseppe, che in poche settimane trova lavoro presso uno studio di architettura: in un paio d’anni ottiene maggiori responsabilità e aumenti di stipendio, dimostrando tutto il suo valore. Ma proprio quando cominciano a piovergli addosso sempre più offerte di lavoro da importanti studi ingegneristici di Barcellona, Giuseppe cambia radicalmente rotta: decide di mettersi in proprio, coinvolgendo nella sua avventura imprenditoriale i suoi datori di lavoro, per aprire una sua società di ingegneria, la Pi Group, specializzata nel campo delle strutture.

Nel giro di otto anni Pi Group si costruisce una buona reputazione e supera il momento di crisi iberico, aprendo persino una seconda sede a Murcia. Quel che è più interessante, avvia col tempo una convenzione con le università partner del programma Erasmus, per consentire agli studenti che trascorrono un anno nelle università catalane di usufruire di un’esperienza di lavoro, da inserire nel curriculum. Proprio quell’esperienza che era mancata a Giuseppe…

Ospite della puntata è Claudia Peritore, capo unità Erasmus presso l’Agenzia Nazionale LLP Italia: con lei analizziamo gli ultimi dati disponibili sulla mobilità dei nostri studenti Erasmus in Europa, calcoliamo il saldo netto per il Belpaese in termini di ingressi e uscite di studenti, e ragioniamo sull’importanza di formare la futura classe dirigente del Paese grazie ad esperienze all’estero, che la internazionalizzino.

Nella rubrica Expats apriamo -come ogni ultimo sabato del mese- il microfono alle vostre lettere e riflessioni: oggi ascoltiamo quanto ci ha scritto il nostro ascoltatore Alessandro, in merito al perché i nostri giovani emigrano, lasciandosi alle spalle l’Italia. Cosa trovano oltreconfine… e con quale Paese si confrontano, quando provano a tornare. Un’analisi lucida e spietata del perché l’Italia sia un Paese ormai sprofondato nelle classifiche, in termini di attrattività verso i giovani talenti.

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di febbraio: I partiti stanno prendendo seriamente in considerazione il problema della fuga dei talenti in questa campagna elettorale? O di come rendere l’Italia un Paese attrattivo per il capitale umano qualificato? Scriveteci una proposta concreta, da lanciare nel dibattito in vista delle elezioni!

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag della settimana: #noaicooptati

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Alla prossima puntata: sabato 2 marzo, dalle 13.30 alle 14 (CET), su Radio 24. Vi aspetto!

Centosessantaduesima puntata di “Giovani Talenti” – Radio 24

In Fuga dei giovani on 23 febbraio 2013 at 09:00

Centosessantaduesima puntata di “Giovani Talenti“, la trasmissione di Radio 24 che vi racconta -ogni settimana- la nuova emigrazione professionale italiana.

Esperienza Erasmus come trampolino di lancio verso un futuro all’estero. Esperienza Erasmus come prologo necessario all’uscita dall’Italia: torna oggi sotto i riflettori di “Giovani Talenti” una tra le migliaia di storie di giovani ex-Erasmus, che hanno fatto tesoro dell’esperienza in Europa… per tagliare i ponti con l’Italia.

Una storia di particolare successo, quella che vi racconteremo: storia che nasce in Calabria e approda a Barcellona, prima con l’anno di studio Erasmus, poi con un ritorno da ingegnere neolaureato. Fino all’esperienza imprenditoriale oltre i Pirenei: esperienza che prosegue, anche e nonostante i pesanti anni di crisi che attraversano la penisola iberica.

Ma il protagonista della puntata odierna ha fatto anche di più: facendo tesoro della propria esperienza passata, aiuta ora e per primo i giovani studenti italiani in Erasmus a fare una prima esperienza di lavoro in terra di Spagna. Perché non si vive di sola -e troppa- teoria universitaria…

Appuntamento -per saperne di più- alle 13.30 (CET) su Radio 24!

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di febbraio: “I partiti stanno prendendo seriamente in considerazione il problema della fuga dei talenti in questa campagna elettorale? O di come rendere l’Italia un Paese attrattivo per il capitale umano qualificato? Scriveteci una proposta concreta, da lanciare nel dibattito in vista delle elezioni!.

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag della settimana: #noaicooptati

Il link alla pagina web del programma: CLICCA QUI

Il link al blog del programma: CLICCA QUI

Le frequenze di Radio 24: CLICCA QUI

Il Podcast di Radio 24 (per chi volesse ascoltare la puntata registrata o si trovasse all’estero): CLICCA QUI

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Crowdfunding call – “Emergency Exit”

In Lettere e Proposte on 21 febbraio 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Raramente facciamo promozione di progetti esterni su questo blog, ma in questo caso pensiamo che l’iniziativa in questione meriti davvero.

Li abbiamo conosciuti a “Meetalents“, lo scorso dicembre: capitanati da Brunella Filì, un gruppo di giovani documentaristi sta girando “Emergency Exit“, un documentario sui giovani italiani della nuova emigrazione, quelli dispersi ai quattro angoli dell’Europa… dopo aver atteso, a volte troppo a lungo, che il loro Paese di origine -l’Italia- offrisse loro la meritata opportunità.

CLICCA QUI PER COLLEGARTI AL SITO DI “EMERGENCY EXIT”

Oggi parliamo di loro, perché manca meno di un mese alla fine della call per il crowdfunding del loro progetto: servono 10mila dollari per concludere le riprese, e finanziare il successivo lavoro di post-produzione. La call è aperta, con donazioni davvero minime (5 dollari), che possono salire -con step intermedi- fino a un massimo di 3000 dollari.

Si tratta di un progetto davvero utile a dare voce alle centinaia di migliaia di giovani che se ne sono andati dall’Italia, in cerca di opportunità all’estero: un modo per rendere visibile un fenomeno che ha raggiunto ormai livelli da allarme rosso. Come recita lo splendido sottotilo del d0cutrip, “Forse oggi l’Italia è il posto da cui è più facile aver voglia di andare via, ma è anche il posto da cui è più un peccato voler andare via…”

CLICCA QUI PER CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DI “EMERGENCY EXIT”

Per chi volesse saperne di più, segnaliamo anche la pagina Facebook e il canale Youtube di “Emergency Exit”.

Presto sul grande schermo… In bocca al lupo!

 

Ultima chance per uscire dal coma

In Fuga dei giovani on 20 febbraio 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Abbiamo posto alla politica domande per tutto questo mese (clicca qui per il primo articolo e per il secondo articolo). Abbiamo chiesto conto del perché non si sia quasi mai parlato in questa campagna elettorale dei veri problemi che affliggono il Paese. Problemi che non comprendono in nessun modo la restituzione -o meno- di 200 euro di tassa. Problemi, piuttosto, che abbracciano la necessità di offrire una visione e una prospettiva di futuro ai giovani. Bene ci dipinge l’Economist, raffigurando il nostro Paese come una gigantesca Torre di Pisa… ormai vicina al crollo definitivo. In attesa di un ultimo eroe in grado di salvarla, se mai arriverà.

Noi questi eroi li abbiamo scovati, conosciuti e intervistati. Sono le centinaia di migliaia di giovani che fanno grande l’Italia all’estero, che continuano ad amare questo Paese – dopo esserne stati troppo spesso cacciati, per far posto ai soliti “amici degli amici”, o “figli degli amici”.

Sono la classe dirigente dell’Italia, che -per paradosso- vive fuori dall’Italia. Sono la classe dirigente che 20 anni di cattiva politica e pessima gestione del sistema-Paese hanno esiliato.

Sono gli unici, per rispondere alla domanda dell’Economist, che possono salvare questo Paese.

Fissate i loro volti e le loro voci bene in mente, mentre mancano solo pochi giorni a un voto cruciale per il futuro dell’Italia. Ve li abbiamo fatti conoscere centinaia di volte. E il video che linkiamo qui sotto, tratto dallo splendido documentario di Bill Emmott e Annalisa Piras “Girlfriend in a coma”, ve ne presenta altri ancora.

Sono solo l’avanguardia di quel 93% di studenti universitari che -sondaggio U4you tra gli atenei milanesi- si dichiarano pronti ad accogliere positivamente l’offerta di un lavoro fuori dall’Italia.

Oggi più che mai il Paese è su un crinale: o spalanca le porte al rientro in massa di questa classe dirigente ora all’estero. O perderà quel poco di speranza che resta, sottoforma di energie giovani e qualificate.

In bocca al lupo, Italia…

CLICCA QUI PER VEDERE IL CLIP DI “GIRLFRIEND IN A COMA” DEDICATO ALLA FUGA DEI CERVELLI DALL’ITALIA

Il Sole 24 Ore – Oltre la metà dei giovani all’estero ha una laurea

In Fuga dei giovani on 19 febbraio 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Pubblichiamo l’articolo di ieri de “Il Sole 24 Ore”, che prende spunto dall’indagine del Centro Altreitalie -in partnership con la trasmissione “Giovani Talenti” di Radio 24, sulla nuova emigrazione professionale italiana post-2000 (di cui vi abbiamo informato con un “post” domenica).

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO DE “IL SOLE 24 ORE DEL LUNEDI'” (in .pdf)

Ne approfittiamo anche per segnalarvi un interessante articolo, de “IlSole24Ore.com”, sul ritorno dei giovani in fuga dall’Italia. Ritorno che -come scopriamo dai commentie dalle lettere pervenute- può anche attendere. Davvero molto interessante e istruttivo: clicca qui per collegarti all’articolo “Giovani in Fuga – Il ritorno in Italia può attendere”.

Architetto a Rotterdam

In Storie di Talenti on 18 febbraio 2013 at 09:00

L’Olanda mi ha accolto con la pioggia, cosa a cui non riesco ancora ad abituarmi“: è ormai pendolare tra un Paese che l’ha portata all’affermazione professionale e quella da cui proviene Silvia Lupini, 37enne architetto al lavoro a Rotterdam, dove ha fondato un proprio studio professionale.

Il viaggio di Silvia comincia nelle Marche, di cui è originaria, con l’iscrizione alla Facoltà di Architettura: il grande salto verso il futuro lo fa però con l’anno di Erasmus a Rennes, in Francia, che le dischiude le porte dell’Europa. Da quel momento la voglia di viaggiare e di mettersi in gioco fuori dai confini nazionali aumenta esponenzialmente.

Dopo la laurea c’è spazio solo per un breve periodo di lavoro in Italia:  Silvia prende presto il volo -anche per motivi personali, oltre che professionali- verso i Paesi Bassi. Dopo un iniziale periodo di assestamento, il percorso per lei si rivela tutto in discesa, all’interno di una società aperta e multiculturale come quella olandese. Silvia viene assunta in rapida sequenza dai due più importanti studi di architettura di Rotterdam, prima di prendersi una pausa -nel 2009- per la maternità.

Nel 2010 la nuova svolta: Silvia fonda un proprio studio di architettura, il “Loop Landscape & Architecture Design”, specializzato in architettura del paesaggio, e comincia ad insegnare all’accademia di Architettura di Amsterdam e all’Università di Delft. Nel frattempo, ha ripreso a fare la pendolare verso l’Italia, ovviamente nel tempo libero: “penso spesso a dove sarò in futuro, mi chiedo se voglio che mia figlia cresca in Italia o in Olanda, e non mi sono ancora data una risposta. Il fatto è che quando sono in Italia trovo ragioni per cui vorrei essere in Olanda, e dopo un po’ che sono qui vorrei tornare in Italia“. Una certezza comunque ce l’ha: un ritorno nella Penisola, per ora, lo esclude.

Ospite della puntata è Francesco Pasquale, partner dello studio di architettura bolognese Brenso, nonché segretario di Garbo, Giovani Architetti Bologna: Francesco presenta una storia per molti aspetti speculare a quella di Silvia. Suo ex-collega in Olanda, ha fatto la scelta -coraggiosa- di tornare a Bologna e fondare un proprio studio di architettura insieme ad altri giovani colleghi che, come lui, hanno alle spalle importanti esperienze all’estero. Francesco ci racconta come è andata. E se, secondo lui, valga davvero la pena tornare a investire in Italia.

Nella rubrica Expats apriamo la finestra su un network internazionale di espatriati, che in pochi anni è diventato il principale punto di riferimento a livello mondiale di tutti coloro che si trasferiscono all’estero per motivi professionali. Parliamo di Internations, associazione che riunisce gli “expats” in oltre 300 città del pianeta. Tra loro, moltissimi giovani professionisti italiani, come ci spiega Tommaso Di Dio, ambasciatore di Internations a Monaco Di Baviera.

Non perdetevi infine -all’interno del notiziario di “Giovani Talenti”- l’indagine esclusiva che presentiamo, in partnership con il Centro AltreItalie, sul vero volto della nuova emigrazione italiana: Maddalena Tirabassi, direttore del Centro AltreItalie, ci racconta -sulla base di un sondaggio online di cui sono già disponibili i primi risultati- chi sono e perché lasciano l’Italia gli emigranti del XXI° secolo.

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di febbraio: I partiti stanno prendendo seriamente in considerazione il problema della fuga dei talenti in questa campagna elettorale? O di come rendere l’Italia un Paese attrattivo per il capitale umano qualificato? Scriveteci una proposta concreta, da lanciare nel dibattito in vista delle elezioni!

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag della settimana: #sialcontroesodo

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Alla prossima puntata: sabato 23 febbraio, dalle 13.30 alle 14 (CET), su Radio 24. Vi aspetto!

 

+++ Indagine: il vero volto della nuova emigrazione italiana – “Giovani Talenti” e “Centro AltreItalie” +++

In Fuga dei giovani on 17 febbraio 2013 at 09:00

GIOVANI, ISTRUITI, IN FUGA DA UN PAESE “ALLO SFASCIO”

IL VERO VOLTO DELLA NUOVA EMIGRAZIONE ITALIANA, NELLO STUDIO DEL CENTRO ALTREITALIE, IN PARTNERSHIP CON RADIO 24

Giovani, istruiti, originari del Nord Italia, invisibili -per metà- all’Anagrafe Italiani all’Estero (Aire), in fuga da un Paese “allo sfascio” e senza prospettive. E’ un’analisi impietosa, quella della “fuga dei talenti” italiana, emersa da un primo esame dei risultati del questionario “Nuove mobilità o nuove migrazioni”, realizzato dal Centro AltreItalie sulle Migrazioni Italiane/Globus et Locus, in partnership con la trasmissione di Radio 24 “Giovani Talenti”. Ha contribuito alla ricerca la Compagnia di San Paolo.

Età. I primi risultati del questionario, online sul sito www.altreitalie.it da novembre 2012 fino a fine febbraio 2013, e basati su un campione parziale di 936 italiani emigrati a partire dal 2000, rivelano come la maggioranza degli intervistati abbia un’età compresa tra i 25 e i 37 anni. Ben il 67% di loro proviene dal Nord Italia, solo il 16,42% dal Centro e il 16,54% dal Sud.

Per la maggior parte risiedono all’estero da meno di quattro anni: rientrano quindi ampiamente nella categoria della cosiddetta “nuova emigrazione professionale”. Il 43% è single. Solo il 24,5% ha figli.

Istruzione. La percentuale di laureati nel campione è doppia rispetto alle statistiche ufficiali Istat, raggiungendo il 56% (laurea triennale o magistrale). Il 13,3% ha un dottorato, l’8,1% un post-doc. Dati che indicano un tasso di emigrazione dei “dottori” decisamente superiore, rispetto alla media nazionale di laureati, ferma intorno al 20% nella fascia d’età dei 30-34enni.

Paesi di emigrazione. I primi cinque Paesi di espatrio sono, nell’ordine: Germania, Gran Bretagna, Francia, Stati Uniti e Spagna.

I motivi dietro l’emigrazione. La ricerca di lavoro costituisce la motivazione primaria di espatrio. È un lavoro spesso qualificato, quello ottenuto all’estero, come dimostrano le percentuali: il 18% ricopre l’incarico di dirigente o quadro, il 21% di docente universitario, il 14,6% di ricercatore.

Motivi di studio e ricerca di una migliore qualità della vita si collocano al secondo e terzo posto, rispettivamente, nei motivi di espatrio. Alla domanda “perché partire?”, le risposte costituiscono un vero e proprio atto d’accusa verso l’Italia: un Paese “allo sfascio”, “senza prospettive”, “ingiusto”, “corrotto e senza senso civico”, con cui “non ci si identifica più”. All’estero si trovano invece “opportunità di crescita professionale, umana e individuale” per sé e per i propri figli, “meritocrazia e opportunità che in Italia ci sogniamo”. Fino alle motivazioni più classiche, quali nuove esperienze e miglioramento delle lingue straniere.

Il ritorno in Italia è sicuro solo per il 18,7% degli emigrati: un 40% si dice invece incerto, mentre il 41,3% lo esclude a priori. Alla domanda “cosa dovrebbe cambiare in Italia?”, la maggioranza degli intervistati è accomunata da un’unica risposta: “tutto”.

I limiti delle statistiche ufficiali (Aire e Istat). Infine, la ricerca evidenzia tutti i limiti delle statistiche ufficiali: solo il 53% del campione si dichiara iscritto all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (Aire). Circa la metà di loro è quindi “invisibile” alle statistiche ufficiali. Tesi -quest’ultima- confermata anche dall’indagine indipendente svolta dal Centro Altreitalie presso gli istituti statistici esteri, in merito ai flussi migratori degli italiani. L’indagine rivela cifre di espatrio molto più ampie, rispetto a quelle Istat/Aire. L’ufficio federale statistico tedesco, ad esempio, segnala che nel 2011 oltre 28.000 italiani si sono trasferiti in Germania, mentre negli Usa ogni anno vengono rilasciati oltre 20mila visti per “student and exchange visitors” a cittadini del Belpaese. Nel Regno Unito, sempre nel 2011, gli italiani che hanno richiesto il codice fiscale (senza il quale non si può aprire un conto nè lavorare) sono stati quasi 25.000 piazzandosi tra le prime sette nazionalità di immigrazione. Di questi oltre l’80% ha tra i 18 e i 34 anni.