sergionava

Archive for luglio 2013|Monthly archive page

“Emigrare in cerca di un futuro” – La Vanguardia su FdT

In Fuga dei giovani on 31 luglio 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Il quotidiano catalano “La Vanguardia” (il principale di Barcellona), nell’edizione Magazine, dedica ampio spazio al tema dei giovani del Mediterraneo in fuga all’estero per motivi di lavoro. Ad aprire la lista c’è ovviamente l’Italia, con un articolo che fa il punto della situazione e cita la trasmissione “Giovani Talenti” di Radio 24. Il motivo principale di fuga, non c’è quasi bisogno di specificarlo nel caso italiano, è quello che “La Vanguardia” definisce il “deficit di meritocrazia”.

Di seguito riportiamo l’articolo, per leggerlo nella versione originale potete collegarvi cliccando su questo link.

Emigrar en busca de un futuro

Desde el inicio de la crisis económica, una de las heridas que más duelen en España es ver marchar a esos jóvenes tan bien preparados en los que se iba a depositar el futuro. Se van talentos recién licenciados, igual que otros muchos jóvenes que no ven manera de encontrar un trabajo en el país. Sin embargo, este éxodo no es exclusivo de España. Esto no es un consuelo, pero sí espolea, más si cabe, a preguntarse por qué los países del sur de Europa, desde Portugal hasta Grecia, e incluso Francia, ven cómo muchos de sus jóvenes marchan a Alemania o Gran Bretaña, entre otros destinos, para labrarse su futuro. Magazine ha echado un vistazo más allá de España, a tres países vecinos, para calibrar el fenómeno y averiguar sus razones.

Italia

Déficit en meritocracia

La fuga de jóvenes talentos al extranjero es una de las razones de cierto pesimismo vital que se respira en Italia y del sentimiento de una decadencia difícil de frenar. Hace años que saltaron las alarmas, mucho antes de la última crisis, porque Italia llevaba ya tiempo estancada, con raquítico crecimiento y una competitividad en declive.
Fue sintomático que el 17 de abril, el día en que Enrico Letta recibió el encargo de formar gobierno, incluyera en sus primeras declaraciones una reflexión sobre la necesidad de evitar que la juventud italiana mejor formada continuara abandonando el país en busca de mejores oportunidades. Situó este tema entre las prioridades nacionales.
El propio presidente de la República, Giorgio Napolitano, habla a menudo del problema de la huida de cerebros, de la sangría que ello representa para la potencialidad nacional. Hace poco, el líder de la principal organización patronal –Confindustria–, Giorgio Squinzi, lamentó que en Italia se haya sido “demasiado indulgente con la mediocridad y el nepotismo”. Squinzi estimó que el coste de la marcha de esta fuerza laboral bien preparada es de 5.000 millones de euros al año.
Según los últimos datos del observatorio Eurostat, Italia es el tercer país europeo, después de Polonia y Rumanía, en éxodo por motivos laborales. Se calcula que hay 676.000 italianos trabajando fuera, el 3% de la población activa. Pero lo más preocupante es la tendencia y la actitud. Un sondeo reveló que casi el 80% de los italianos menores de 25 años están convencidos de que la única posibilidad de realizar una carrera profesional satisfactoria es yendo al extranjero.
Este estado de ánimo se traduce en hechos concretos como un fuerte aumento de la demanda del idioma alemán en la universidad y en centros como el Goethe Institut. Una de las profesiones que registra más fuga es la de los médicos. Y un destino muy apreciado es Gran Bretaña, donde un especialista puede ganar casi el doble que en Italia.
El éxodo de jóvenes profesionales italianos ha llevado a crear incluso un programa radiofónico fijo, Giovani Talenti, en una de las emisoras más importantes, Radio 24, vinculada al diario económico Il Sole 24 Ore. El programa está dirigido por Sergio Nava, un periodista que lleva años estudiando el fenómeno y denunciándolo. En Giovani Talenti aparecen ejemplos de italianos que han emigrado, explican cómo les va y las razones que les llevaron a dejar su patria.
Más allá de la actual crisis y del paro elevado, hay consenso en que un mal endémico italiano que empuja a los jóvenes a emigrar es la escasa meritocracia. Italia es todavía una sociedad muy corporativista en la que quienes están instalados defienden acérrimamente sus privilegios. Las conexiones familiares y las recomendaciones son más importantes que el currículum. El “hoy por ti y mañana por mí”, el intercambio de favores, está muy presente. El llamado “familismo amoral”, la defensa a ultranza de la familia y del clan, es un lastre que pesa sobre las jóvenes generaciones. 

Francia

En busca de horizontes

Corría el mes de marzo del año 2007. La explosión de las subprimes se estaba gestando, pero la crisis financiera todavía no había estallado y Francia se encaminaba hacia unas elecciones presidenciales cruciales
–las que enfrentaron a Nicolas Sarkozy y a Ségolène Royal– con enormes esperanzas y ganas de cambio. Bénédicte G., con un empleo fijo en un ministerio del ámbito económico, se disponía, sin embargo, a dejar el país y partir a Londres en busca de nuevos horizontes y mejores perspectivas.
No era la primera, ni la única. Antes, mucho antes, de que la crisis viniera a espolear el éxodo económico, muchos jóvenes franceses saltaban ya al otro lado del canal de la Mancha o del Rhin (no tanto del Atlántico) para escapar de la rigidez, el inmovilismo y los prejuicios que coartaban sus posibilidades o les condenaban a la precariedad permanente. El doble efecto de la crisis económica –con un paro que alcanza el 27% entre los jóvenes de 15 a 24 años– y la mundialización ha potenciado esta tendencia.
Los jóvenes no constituyen el grueso de los expatriados franceses repartidos por el mundo –155.266 de entre 18 y 25 años, entre un total de 1,6 millones en el 2012, según datos oficiales del Ministerio de Asuntos Exteriores–, pero lo cierto es que cada vez son más. Su número ha aumentado un 14% desde el estallido de la crisis en el 2008. Quienes más inclinados están a coger el portante son los jóvenes licenciados, enfrentados en Francia a un sistema anquilosado y rígido que les condena indefectiblemente a encadenar stages y contratos precarios, a trabajos mal pagados y con escasas perspectivas de mejora y ascensión.
La gente con iniciativa choca muy a menudo con una mentalidad conservadora y llena de prejuicios, lo que es particularmente cierto en el caso de los jóvenes de la banlieue (el extrarradio) y con aspecto y apellidos de origen extranjero, víctimas de estereotipos muy arraigados.
Un sondeo del instituto de opinión Ifop indicó que el 27% de los licenciados –¡más de una cuarta parte!– ve su futuro profesional en el extranjero, donde encontrar un trabajo –mejor remunerado– o empezar un negocio es mucho más fácil que en Francia. Poco seducidos por los países exóticos y lejanos, sus preferencias pasan por Suiza, el Reino Unido, Alemania, Luxemburgo o Bélgica, cerca de casa. España, y en particular Barcelona, era un destino soñado antes del batacazo del ladrillo.
No todo cabe atribuirlo, sin embargo, a la crisis o a la idiosincrasia francesa. La internacionalización de la economía hace que las empresas estén cada vez más volcadas hacia el exterior, y esa dinámica acaba arrastrando a todo el mundo. Los grandes centros de estudios superiores, desde Sciences Po hasta las escuelas de negocios y de ingeniería, han incluido en sus programas de estudios un año obligatorio en el extranjero. Y no se trata sólo de los jóvenes. Salir al exterior refuerza el currículum profesional y, según otro estudio, el 17% de los cuadros planean irse fuera para mejorar en su carrera. 

Portugal

La huida de un país entroikado
La tradicional fiesta de a queima das fitas, quema de las cintas en castellano, se ha convertido para muchos licenciados portugueses en el pórtico de la emigración. Lo proclamaba en mayo una de las jóvenes que celebraban el fin de carrera en las carrozas del cortejo de los nuevos licenciados de Coimbra, la ciudad universitaria por excelencia en Portugal. “O nos marchamos o no vamos a tener empleo”, afirmaba con una sonrisa, con la felicidad de culminar sus estudios, en un festejo en el que corre el alcohol en abundancia, y con la naturalidad de hallarse ante un destino inexorable, el que está eligiendo de nuevo una parte de la juventud portuguesa y que forma parte desde hace siglos de la identidad nacional lusa, el país de la saudade, del recuerdo melancólico.
“Tengo saudade de los amigos, de la familia, del sol y del mar”, dice Inês Almeida e Silva, lisboeta de 27 años, licenciada en Radiología, emigrada a la localidad bávara de Neustadt an der Aisch. Tras estar un año sin encontrar trabajo en Portugal sin éxito, decidió ampliar la búsqueda. Así, encontró un empleo en Alemania, donde hizo primero un curso intensivo de la lengua de Goethe.
Satisfecha con su experiencia, Inês Almeida recomienda a los jóvenes portugueses cualificados emigrar a una Alemania en la que “quizá no ganes tanto como en Suiza o en el Reino Unido, pero tienes una buena vida”. Explica que le sorprendieron los precios, sobre todo los del supermercado, porque “las cosas no son tan caras. No hay las grandes diferencias con Portugal que sí hay en los salarios. Y la vivienda tampoco cuesta mucho aquí, incluso menos que en Lisboa”. Cobra un salario de 1.800 euros mensuales, pero puede pasar de los 2.000 con el trabajo nocturno.
“Emigré porque en Portugal no existe el futuro”, resume Inês Almeida. “En Portugal la emigración no es como en todas partes el trasvase de la población que sobra, sino la fuga de una población que sufre”, escribió hace más de un siglo uno de los más geniales escritores lusos, Eça de Queirós. También decía que “los que emigran son los más enérgicos y decididos”.
Sónia Pessoa, una periodista que se marchó a Londres a los 43 años y que cuenta su experiencia en un blog, ofrece una reveladora conclusión sobre el éxodo de hoy: “Si hace 20 años o más emigraban personas sin estudios que buscaban una vida mejor, hoy en día todos emigran, sean jóvenes o mayores, con o sin formación, porque en Portugal no hay alternativa”.
El Gobierno portugués ha llegado a cifrar en 150.000 las personas que emigran anualmente en un país de poco más de diez millones de habitantes. Se dirigen a la Europa más próspera y a países emergentes de lengua portuguesa, como Brasil y Angola. Los incompletos datos del Instituto Nacional de Estadística muestran que el flujo hacia el exterior casi se duplicó en el 2011, el año del rescate por las instituciones europeas, y que en él hay una muy significativa participación de los jóvenes. Huyen de un país gobernado por la troika.
En el 2012, en el concurso que convoca la editorial Porto Editora para elegir la palabra del año, la seleccionada fue “entroikado”, un neologismo que significa “sujeto a las condiciones de austeridad impuestas por la troika, el equipo que negoció las condiciones de la ayuda externa a Portugal, constituido por del Fondo Monetario Internacional, la Unión Europea y el Banco Central Europeo”.

Annunci

+ AAA Cercasi Storie Giovani Espatriati per “Giovani Talenti” – Radio 24! +

In Fuga dei giovani on 29 luglio 2013 at 09:00

+++IMPORTANT RECALL+++Giovani Talenti” cerca le nuove storie del programma, in vista della ripresa del format autunnale l’8 settembre:

“Sei giovane e “under 40″? Laureato/a, magari con master? Sei emigrato/a dopo svariati tentativi di affermarti professionalmente in Italia, tutti andati a vuoto e/o deludenti, in termini di salario e prospettive di carriera?

Sei espatriato/a grazie a un contratto ottenuto per merito e selezione, che ti ha permesso -pur ventenne o trentenne- di raggiungere posizioni professionali inimmaginabili per te in Italia?

Nonostante ciò, non riesci a trovare posizioni equiparabili nel Belpaese, nell’ottica di un ritorno?”

—>Scrivi a: giovanitalenti@radio24.it – La tua storia potrebbe essere raccontata “on air” in una delle puntate autunnali!

N.B. Cerchiamo storie da TUTTE le professioni: dal manager all’imprenditore, dall’architetto all’ingegnere, dal ricercatore al professore, dal giornalista al medico, dall’avvocato all’informatico, ecc. ecc.. SCRIVETECI!

Frasi della Settimana / Quotes of the Week

In Giovani Italians on 28 luglio 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Barack Obama, presidente degli Stati Uniti, sul capitale umano: “se pensate che l’istruzione sia cara, aspettate a vedere quanto costa l’ignoranza nel Ventunesimo Secolo. Se non investiamo in istruzione, metteremo i nostri bambini, i nostri lavoratori e il nostro Paese in condizioni svantaggiate per decenni“.

Papa Francesco, lanciando l’allarme-giovani: “Rischiamo una generazione senza lavoro“.

Dati e riflessioni d’estate/5

In Fuga dei giovani on 26 luglio 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

“Caro primo ministro, Londra è piena di italiani giovani e di talento che si sono trasferiti qui per trovare lavoro. Cosa pensa di fare il suo Governo per fermare questa fuga di cervelli?”

Maria Agnese Strizzolo, italiana residente a Londra da sei anni, rivogendosi al premier Enrico Letta nel corso della recente visita del primo ministro in UK.

Letta: “la fuga dei cervelli e la disoccupazione giovanile sono priorità del mio Governo. Il programma “Destinazione Italia” che sarà lanciato a settembre punta proprio ad attrarre investimenti stranieri verso l’Italia, rilanciare la competitività del Paese e creare posti di lavoro e opportunità, che potranno convincere molti giovani espatriati a tornare“.

Nota: Enrico Letta è il primo firmatario della Legge Controesodo per il rientro dei talenti.

Il link all’articolo de Il Sole 24 Ore.com che ha riportato la notizia.

 

Dati e riflessioni d’estate/4

In Fuga dei giovani on 25 luglio 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Medici, dentisti, veterinari e farmacisti: l’esercito di camici bianchi in fuga verso l’estero cresce a dismisura. Lo denuncia l’agenzia AdnKronos Salute, sulla base dei dati del Ministero della Salute.

Tra il 2009 e il 2012 l’aumento delle richieste di documenti per lavorare all’estero è cresciuto del 40%: cinquemila richieste in soli quattro anni. Dai 1017 del 2009 ai 1600 previsti per fine 2013.

Termini dei contratti di lavoro, meno precari rispetto all’Italia, sono le motivazioni principali che incoraggiano questa nuova emigrazione dei camici bianchi. Più ancora dei salari oltreconfine, mediamente più alti.

Dati e riflessioni d’estate/3

In Declino Italia on 24 luglio 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Studio “Global Strategy”: le Pmi italiane vincenti in questo periodo sono quelle che puntano all’estero e non lesinano investimenti. Andare controcorrente è possibile. Ma occorre un salto di qualità.

Secondo questo stesso studio, tra il 2007 e il 2011 i ricavi medi annui di queste Pmi  di successo sono cresciuti del 12%, nonostante la crisi. Meccanica, chimica e metallurgia i settori più rappresentati. Primeggiano le aziende lombarde, venete ed emiliane.

Il segreto? Investimenti (il 72% di queste aziende ha aumentato gli impegni negli ultimi tre anni) e orientamento all’estero (il 53% dei ricavi oltreconfine). Per il futuro, questi imprenditori innovativi guardano ad aggregazioni ed operazioni di rafforzamento competitivo.

Queste aziende sono la dimostrazione che leggi e burocrazia possono sì affossare la nostra capacità di crescere: tuttavia, il primo nemico resta la nostra mentalità. I vecchi modelli produttivi, la mentalità provinciale e poco aperta all’innovazione, lo schema “famiglia ricca-azienda povera” (denunciata anche da Riccardo Illy in un suo libro), la dipendenza dai sussidi pubblici senza alcuna propensione al rischio, la vicinanza alla politica quale principale bacino di appalti e commesse, al di là del merito: queste sono le vere zavorre che ci trasciniamo.

Il Governo sta guardando a un piano per l’internazionalizzazione che -se opportunamente implementato- potrebbe fornire una spinta importante.

A cascata, speriamo che un rilancio del nostro tessuto produttivo in senso globale e innovativo possa frenare due tendenze che collocano l’Italia nella Serie B globale: i bassi salari (nella classifica Ocse siamo 20esimi su 30, diecimila dollari sotto la media) e lo scarso utilizzo delle competenze manageriali (secondo Aldai, negli ultimi cinque anni i manager italiani emigrati hanno registrato un boom del 40%).

Dati e riflessioni d’estate/2

In Declino Italia on 23 luglio 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Lo European Research Council ha reso noti i grants 2013, destinati ai giovani ricercatori a inizio carriera. L’Italia è solo decima, in questa classifica su scala continentale, in quanto a numero di beneficiari, ampiamente superata da UK, Germania, e altri ancora.

Quel che è peggio, solo il 7% dei vincitori delle borse ha scelto la Penisola: otto ricercatori in tutto, uno solo dei quali straniero. Ma c’è di più: sui 17 giovani ricercatori italiani che hanno vinto il grant, solo sette sono rimasti a fare ricerca qui. Gli altri dieci sono all’estero.

E siamo ancora qui ad arrovellarci sul problema di attrattività del sistema-Paese? Siamo nella Serie C della ricerca mondiale, altro che attrattività.

Grazie a Chiara Brivio per la segnalazione nel gruppo Facebook “La Fuga dei Talenti”, a questo link lo studio realizzato dal sito online La Voce.Info.

 

Dati e riflessioni d’estate/1

In Giovani Italians on 22 luglio 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

L’Ocse denuncia: a fine 2012 oltre il 35% dei giovani italiani era disoccupato, il 53% aveva un lavoro precario.

A far temere è l’alto numero di Neet, giovani che non lavorano né studiano, arrivati a toccare quota 21,4% (+5,1%). L’Ocse denuncia: la crescita dei Neet italiani è nettamente superiore alla media. La Penisola sta facendo allargare a dismisura un bacino di giovani inattivi, scarsamente qualificati, che non saranno in grado di rimettersi attivamente sul mercato del lavoro, quando (e se) arriverà la ripresa.

Ergo: l’Italia non solo ha scaricato tutta la flessibilità sui giovani (c’è chi vorrebbe addirittura deregolamentarla, in vista di Expo 2015, vi lasciamo immaginare con quali conseguenze…), non solo ha fatto esplodere la disoccupazione giovanile… ma non ha neppure fatto in modo di preparare e riqualificare questa “generazione perduta” in vista della ripresa.

Un fallimento. L’ennesimo, di questo sistema-Paese mai entrato davvero nel Terzo Millennio. Intrappolato negli anni ’80, ostaggio della classe dirigente fallita di quel decennio.

Intanto, i pochi giovani realmente qualificati scappano.

L’Italia che non cambia mai… / 2

In Fuga dei giovani on 20 luglio 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Mi è stata segnalata recentemente la lettera di Andrea Stroppa, 19enne “genio informatico” del nostro Paese, autore di Uribu, piattaforma di denuncia civica. Andrea, giovanissimo, ha già ottenuto importanti riconoscimenti internazionali. Ma si è presto dovuto scontrare con con l’immobilismo gattopardesco dell’Italia. Paese dove gli innovatori, quelli veri, faticano ad imporsi. Se non vengono proprio rifiutati tout court.

La lettera di Andrea mi ricorda molto quella che scrisse Augusto Marietti, uno dei fondatori di Mashape (clicca qui per leggerla), che ha poi effettivamente fatto le valigie, ottenendo con gli altri due soci uno straordinario successo negli Usa, grazie a finanziamenti milionari per la loro start-up da parte dei maggiori investitori della Silicon Valley.

La lettera di Andrea è stata publicata sul sito di Corriere.it (clicca qui per leggerla nella versione originale): leggetela per favore dall’inizio alla fine, e inviate i vostri commenti a fugadeitalenti@gmail.com. Grazie.

“Quando ho visto su Corriere.it la lettera dal titolo “L’Italia è morta, andatevene finché siete in tempo”, dentro di me sono passate emozioni su emozioni che si sono infine trasformate nelle righe qui di seguito. Ho 19 anni, provengo da una famiglia modesta e ho una grande passione per l’informatica. Tralasciando tutta la biografia noiosa, l’altro anno insieme a quattro amici ho lanciato un software con lo scopo di aiutare i cittadini nella loro comunicazione con le pubbliche amministrazioni. Mesi di lavoro, tante spese ed un solo sogno: migliorare questo Paese, senza chiedere neanche un centesimo in cambio. I media, compreso il Corriere, in più occasioni hanno dato spazio all’idea che mai fino ad ora era stata realizzata in modo così innovativo. Dopo aver ricevuto premi istituzionali ed elogi sulla stampa dovevamo passare ai fatti: prendere contatti con le pubbliche amministrazioni. Vi lascio immaginare com’è finita.

Dopo aver vinto l’ennesimo premio come idea innovativa, come miglior sito per i cittadini consegnatoci da Prodi, e dopo aver vinto competizioni tecniche a livello internazionale, veniamo contattati da Mozilla, direttamente dal presidente. Dopo alcune conferenze Roma-San Francisco entriamo in contatto con Code for America, una non-profit americana che fa progetti simili al nostro, ma con un modello organizzativo con un fondo milionario dove poter finanziare progetti e offrire strumenti e risorse. Rimangono sbalorditi dalla nostra piattaforma e ci chiedono come mai ancora nessuno in Italia abbia utilizzato la nostra tecnologia. Dopo un anno anche io mi faccio la stessa domanda. Non mi butto giù, ma ho un po’ di rabbia.

Due mesi fa insieme al mio collega, poco più grande di me, lanciamo una ricerca tecnica sui social network. Una ricerca lanciata da due italiani uno dei quali non ha neanche concluso la maturità (io). La ricerca fa il giro del mondo: New York Times (diventando l’articolo tecnologico più letto), Forbes, Russia Today, BusinessInsider, il maggior sito di informazione cinese QQ, Bloomberg, FoxNews, Time, i maggiori quotidani tedeschi, olandesi, spagnoli, francesi, indiani, greci, giapponesi. Negli Stati Uniti la ricerca viene mostrata in tv ben 3 volte su una delle emittenti più importanti: la Cnn. Ci arrivano i complimenti dalle maggiori aziende tecnologiche degli Stati Uniti e dai professori di Stanford, Harvard, MIT, Hong Kong University e Oxford. La ricerca viene presa come spunto nelle conferenze dei professionisti dell’informatica, in questi giorni è stata utilizzata a Miami davanti ad una platea di migliaia di persone del settore.

Il nostro entusiasmo finisce quando poi una volta usciti dal mondo virtuale ritorniamo nella realtà dell’Italia. Un Paese che non offre nulla, ma che neanche ti lascia inseguire i tuoi sogni. Ti spezza le ali prima di poterle avere. Il Paese delle illusioni.

Un Paese che ha perso i suoi cardini: la giustizia, l’istruzione, la sanità, il sociale. Un Paese dove veniamo allevati con l’idea che non serve essere bravi, ma avere conoscenze, una spintarella, un’amicizia. Dove rubare un po’ alla fine è giusto, tanto lo fanno tutti. L’Italia è un Paese dove poi non esiste mai un colpevole, dove la politica non ha mai responsabilità, dove tutti alla fine hanno sempre pronto il dito puntato verso qualcun altro. Sarebbe infinita la lista delle cose che non vanno in questo Paese. La colpa è principalmente degli italiani, di una buona parte degli italiani ai quali bisognerebbe strappare la cittadinanza. Dei giovani, della maggior parte, che non è pronta alla globalizzazione, che non guarda più lontano dalla finestra dell’aula di scuola. Sì, andiamo via.

Un amico pochi giorni fa ha ricevuto la conferma del suo contratto indeterminato in Polonia per una compagnia di antivirus. In Italia, spero non me ne vorrà, era uno degli “sfigati”, le persone lo consideravano “strano”. Strano perché leggeva un quotidiano inglese ogni mattina, strano perché aveva tante passioni, strano perché non sapeva rubare, non sapeva inchinarsi davanti a nessuno. Strano perché questa società trasforma il normale in strano e lo sbagliato in normale. Ho visto una scena di un film che diceva che l’Italia è un Paese da distruggere. Il peggiore perché non cade mai veramente, ma rimane immobile. Tutti si lamentano, tutti continuano a fare quello che facevano.

Io vorrei tanto non scappare, vorrei rimanere in questo Paese, in questo spazio di terra che ha una storia indescrivibile, ma che non riesce più a scrivere un futuro dignitoso. E proprio per la dignità non riesco più a sopportare che questo Paese venga stuprato ogni giorno. L’Italia non è un Paese morto, l’Italia è un Paese morto ammazzato”.

Andrea Stroppa

L’Italia che non cambia mai… / 1

In Declino Italia on 17 luglio 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Questa sera sarei dovuto essere in Sardegna. Non al mare, però, a bordo di qualche gigantesco yacht della Costa Smeralda, a sorseggiare cocktails convenzionali e sovrapprezzati, in compagnia di qualche cafone arricchito da speculazioni e affari più o meno illeciti.

No, ovviamente. Avrei dovuto parlare a un gruppo di giovani sardi, in un suggestivo castello medioevale, in un paesino dell’entroterra sardo, a metà strada tra Cagliari e Oristano. Avrei raccontato loro quanto sia grave oggi il fenomeno dell’emigrazione dei loro coetanei, e cosa si deve fare per non alzare bandiera bianca nel proprio Paese. Nella propria regione. Nella propria provincia. Nella propria città.

Quell’incontro, organizzato all’interno del “Festival delle Culture”, è stato improvvisamente annullato dieci giorni fa. Inagibilità della location, la motivazione addotta delle autorità locali. Un duro colpo per gli organizzatori del Festival, un manipolo di artisti spinti dalla passione per la cultura, dalla voglia di portare il cambiamento attraverso iniziative che vadano oltre la sagra della porchetta arrostita.

Gente tosta, gente che non si rassegna alla logica del panem et circenses distribuita dalla classe dirigente. Gente che vuole far capire ai giovani di oggi, classe dirigente di domani, che il vero nutrimento per il cervello è la cultura. Cultura come motore del cambiamento.

Quell’incontro non si farà. Forse, se ce la faremo, lo sposteremo all’autunno. Colgo l’occasione di questo “post” per rigraziare Simone Pittau, anima del Festival delle Culture: Simone è un segnale di speranza in un Paese che fa l’impossibile per non cambiare, e conservare lo status quo. Non sapendo che quello status quo è già morto. Un cadavere che cammina. Esattamente come quella “classe dirigente” (uso le virgolette non a caso) che lo incarna. La globalizzazione li spazzerà via. E’ solo questione di (poco) tempo.

Simone -e tutti voi che mettete l’anima nell’organizzare il “Festival delle Culture”- investendo tempo e risorse in un progetto che porta nell’entroterra sardo artisti musicali di fama internazionale: voi siete il futuro. Non vi curate di loro, ma guardate e passate… Quest’Italia che non cambia mai è già morta. Voi siete il futuro.

Questa una parte del comunicato stampa del Festival Delle Culture, per denunciare questa “Italia che non cambia mai”.

Un saluto da Milano agli organizzatori del Festival e ai giovani che avrei voluto incontrare stasera:

COMUNICATO FESTIVAL DELLE CULTURE

“Quella di domenica è stata una serata speciale per il Culturefestival 2013, gli appuntamenti nella residenza ufficiale del festival sono sempre un’occasione importante e i protagonisti chiamati a raccolta non hanno deluso le aspettative dei presenti.

[…]

Tre ore di cultura che sembra non sarà possibile riproporre, a Sanluri, per le prossime date. L’organizzazione del Festival infatti, dovrà con tutta probabilità annullare tre degli eventi della manifestazione, previsti nel paese di residenza a causa del mancato contributo economico e nel forte ritardo della programmazione estiva dell’amministrazione comunale.  

“Siamo molto dispiaciuti che dopo la bellissima serata musicale di oggi, non potremo annoverare Sanluri tra le destinazioni principali degli eventi – commenta amareggiato Simone Pittau, direttore artistico del culturefestival, manifestazione giunta alla VI^ edizione, che vanta la presidenza onoraria del premio Oscar Ennio Morricone – Ogni evento di qualità implica dei costi. Molti artisti arrivano da lontano, devono essere garantiti almeno logistica, trasporto e ospitalità, oltre ai costi fissi che devono essere sostenuti per il funzionamento della macchina organizzativa. Il peso che viene attribuito alla cultura da alcuni enti locali è assai ridotto, mentre io sono convinto che la cultura sia sinonimo di sviluppo economico locale e che, per questo, dovrebbe trovare un posto di primo piano nell’agenda del governo locale. L’Amministrazione Comunale, che inizialmente aveva promesso il proprio contributo sembra non essere più interessata. Dopo numerosi incontri con l’Assessore di riferimento ed aver partecipato al bando pubblico comunale per il sostegno alle attività culturali, ci è stato recentemente comunicato, ufficiosamente, che non sarà possibile includere il culturefestival nella programmazione estiva degli eventi. Senza accendere inutili polemiche ci troviamo nostro malgrado a dover rinunciare ai prossimi eventi in programma a Sanluri è trasferirli altrove. Molte delle iniziative e le date sono imposte dagli artisti, soprattutto quelli che arrivano dall’estero, anche con due anni di anticipo, non possiamo permetterci di aspettare la delibera dell’esecutivo, se quell’evento è già programmato e in corso di svolgimento.

Trovo che per Sanluri – perdere l’opportunità di ospitare artisti di fama mondiale, come alcune prime parti della London Symphony Orchestra e altri artisti di chiara fama internazionale, sia un’ occasione di crescita mancata.

Da anni attiviamo importanti sinergie con il nostro territorio ma, a malincuore, per i prossimi eventi programmati quest’anno, dovremo trovare un’altra location in Sardegna disposta a “subire” le performances delle prime parti della London Symphony Orchestra” – conclude con una sfumatura ironica il fondatore del Culture Festival, che sarà impegnato domani in un concerto a Roma con Pino Daniele”.

Culture Festival