sergionava

Archive for maggio 2015|Monthly archive page

Duecentosettantantanovesima puntata di “Giovani Talenti” – Radio 24

In Fuga dei giovani on 30 maggio 2015 at 09:00

Duecentosettantanovesima puntata di “Giovani Talenti“, la trasmissione di Radio 24 che vi racconta -ogni settimana- la nuova emigrazione professionale italiana.

Giornalismo in primo piano, con la storia di un giovane reporter che -negli Stati Uniti- ha saputo addirittura trasformarsi in imprenditore, fondando una propria testata.

In Italia per lui (così come per migliaia e migliaia di giovani colleghi) solo lavori ampiamente sottopagati… e curricula inviati a iosa, senza alcuna risposta, soprattutto quando veniva richiesto un compenso economico.

Un viaggio-denuncia, quello di oggi a “Giovani Talenti”, nell’irriformabile mondo del giornalismo italiano…

Appuntamento -per saperne di più- alle 13.30 (CET) su Radio 24!

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di maggio: “E’ arrivata la ripresa, sul fronte occupazione? La vedete? Se doveste scegliere -oggi- tra restare in Italia o espatriare… quale sarebbe l’opzione su cui puntereste? E sul fronte della selezione da parte delle aziende vedete un cambio di passo, nella valutazione e risposta ai curricula?”

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #giovanitalentiue

Il link al blog del programma: CLICCA QUI

Le frequenze di Radio 24: CLICCA QUI

Il Podcast di Radio 24 (per chi volesse ascoltare la puntata registrata o si trovasse all’estero): CLICCA QUI

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Torniamo a misurare la fuga dei cervelli/talenti?

In Fuga dei giovani on 27 maggio 2015 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Il recente rapporto Istat ha scoperto l’acqua calda, rilevando come la “mobilità intellettuale” sia un fenomeno sempre più in crescita: “tremila dottori di ricerca del 2008 e 2010 (il 12,9%) vivono abitualmente all’estero“, rileva il rapporto. E aggiunge: “la mobilità verso l’estero è superiore di quasi sei punti a quella dell’ultima indagine“.

Questa mobilità è più accentuta per gli uomini rispetto alle donne: ad emigrare sono soprattutto i dottori di ricerca nelle scienze fisiche, e quelli nelle scienze matematiche o informatiche. Più ridotta quella dei dottori in scienze giuridiche.

Ad attrarre maggiormente -come ormai appurato da decine di ricerche precedenti- sono: Gran Bretagna, Stati Uniti e Francia, prima di Germania e Svizzera.

Anche i motivi che spingono ad emigrare i nostri dottori di ricerca non raccontano nulla di nuovo: maggiori opportunità di lavoro, più qualificato e meglio retribuito (lo dichiara l’85% degli intervistati…). Chi lavora all’estero guadagna mediamente 800 euro in più, dati alla mano.

Senza contare che chi emigra trova un’occupazione mediamente più consona al percorso formativo svolto…

La situazione è ancora più grave, se teniamo conto che -stando a Il Sole 24 Ore Scuola– il World Economic Forum ci piazza al 35esimo posto su 135 Paesi per capitale umano.

Per il Wef, la Penisola è sostenuta dai passati investimenti in capitale umano, ma è frenata “da posizioni relativamente basse nella qualità dell’istruzione, nella formazione e nell’andamento del mercato del lavoro“. Le nostre maggiori zavorre: tasso di disoccupazione giovanile (dove figuriamo addirittura al 116esimo posto in classifica!), qualità del sistema di istruzione, numero di laureati.

In questo contesto è interessante rilevare come l’associazione ITalents ha rilanciato un questionario, d’intesa con la Consulta regionale per l’emigrazione dell’Emilia-Romagna, per studiare i flussi in uscita.

CLICCA QUI PER PARTECIPARE AL QUESTIONARIO – EMIGRATI

Parallelamente, è stato aperto un questionario per i talenti rientrati:

CLICCA QUI PER PARTECIPARE AL QUESTIONARIO DEI “CONTROESODATI”

 

 

 

 

 

 

Storie di Talenti in Europa – Strasburgo 2015

In Storie di Talenti on 25 maggio 2015 at 09:00

Puntata speciale di “Giovani Talenti”, che torna -per il quarto anno- all’Europarlamento di Strasburgo, con una tavola rotonda fra giovani professionisti italiani espatriati nel cuore dell’Europa.

Oggi il nostro “parterre” comprende due giovani al lavoro sia nelle istituzioni UE, sia nel settore dell’università, tra Bruxelles e Strasburgo.

A Strasburgo “Giovani Talenti” incontra:

Elisa Reschini, 33 anni, assistente al Parlamento Europeo;

Guido Pupillo, 38 anni, professore di Fisica Quantistica all’Università di Strasburgo;

Ospiti insieme a loro, per commentare la nuova emigrazione professionale verso l’Europa, e valutare quanto l’UE rappresenti ancora un polo di attrazione per i nostri giovani talenti, sono il vicepresidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani e Bruno Marasà, direttore dell’Ufficio a Milano dell’Europarlamento.

Si chiude con questa puntata l’iniziativa “Giovani Talenti in Europa 2015”, grazie alla quale quattro ascoltatori  del programma viaggeranno a Strasburgo questo autunno, mentre altri quattro potranno visitare il Padiglione UE a Expo 2015. La prossima settimana annunceremo i nomi dei vincitori!

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di maggio: “E’ arrivata la ripresa, sul fronte occupazione? La vedete? Se doveste scegliere -oggi- tra restare in Italia o espatriare… quale sarebbe l’opzione su cui puntereste? E sul fronte della selezione da parte delle aziende vedete un cambio di passo, nella valutazione e risposta ai curricula?”

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #giovanitalentiue

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Alla prossima puntata: sabato 30 maggio, dalle 13.30 alle 14 (CET), su Radio 24

Duecentosettantottesima puntata di “Giovani Talenti” – Radio 24

In Fuga dei giovani on 23 maggio 2015 at 09:00

Duecentosettantottesima puntata di “Giovani Talenti“, la trasmissione di Radio 24 che vi racconta -ogni settimana- la nuova emigrazione professionale italiana.

Puntata speciale di primavera, oggi: “Giovani Talenti” torna a trasmettere -per il quarto anno consecutivo- dagli studi del Parlamento Europeo di Strasburgo, con una tavola rotonda che vedrà protagonisti tre giovani espatriati, al lavoro tra Bruxelles e la capitale alsaziana.

Quali opportunità ci sono in Europa, professionalmente? Nelle istituzioni UE, come nell’accademia? Tre testimonianze, tre percorsi professionali, tre storie di uscita dall’Italia, per potersi garantire un futuro… forniranno la risposta a queste domande. Vi assicuriamo una puntata di ispirazione!

Oggi si chiude ufficialmente l’iniziativa “Giovani Talenti in Europa 2015”: grazie a tutti coloro che hanno partecipato!

Appuntamento -per saperne di più- alle 13.30 (CET) su Radio 24!

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di maggio: “E’ arrivata la ripresa, sul fronte occupazione? La vedete? Se doveste scegliere -oggi- tra restare in Italia o espatriare… quale sarebbe l’opzione su cui puntereste? E sul fronte della selezione da parte delle aziende vedete un cambio di passo, nella valutazione e risposta ai curricula?”

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #giovanitalentiue

Il link al blog del programma: CLICCA QUI

Le frequenze di Radio 24: CLICCA QUI

Il Podcast di Radio 24 (per chi volesse ascoltare la puntata registrata o si trovasse all’estero): CLICCA QUI

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

“Moderate Innovator”

In Declino Italia on 20 maggio 2015 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Innovatore moderato“: la classifica europea sull’innovazione pone l’Italia ancora una volta tra i Paesi dove l’innovazione, vera linfa vitale di un’economia del Terzo Millennio, semplicemente latita.

Per chi non l’avesse ancora capito, il tasso di innovazione di un Paese non viene misurato dal numero di telefonini di ultima generazione, o dei “post” su Facebook, o ancora dagli ormai insopportabili tweets sempre più autoreferenziali. No, perché -se così fosse- l’ormai iperproduzione social che gli italiani fanno quotidianamente ci avrebbe già portato in testa alle classifiche di innovazione mondiali.

Un parametro per definire un Paese come innovatore è -ad esempio- la quantità di investimenti in “venture capital“, utili ad avviare nuove imprese. Bene, questi li abbiamo addirittura visti diminuire (!) . Meglio abbiamo fatto sul fronte delle pubblicazioni scientifiche internazionali congiunte, così come nell’innovazione delle Pmi: progressi che ci sono stati riconosciuti dall’UE.

Tuttavia, ciò non basta per salire di grado, e staccare i Paesi con cui condividiamo lo status di “innovatori moderati”: Cipro, Croazia, Estonia, Grecia, Lituania, ecc. ecc..

Attualmente il Governo ha mosso finalmente i primi passi sulla banda larga. Non resta che dire: “fate presto”.

L’Italiano che fondò la “Google dei Talenti”

In Storie di Talenti on 18 maggio 2015 at 09:00

Una storia assolutamente straordinaria, quella che vi presentiamo questa settimana a “Giovani Talenti”: quella di Luca Bonmassar, 33 anni, giovane imprenditore innovativo di stanza in Silicon Valley.

All’inizio della sua carriera di studi Luca si iscrive a Ingegneria Informatica, dove ne approfitta per una prima esperienza di lavoro in Finlandia, presso Nokia, in occasione del periodo di stesura della tesi.

Luca rientra successivamente in Italia, dove lavora per un’azienda software toscana, prima di decidere che il suo futuro è all’estero: la ripartenza questa volta è per la Germania, dove approda come ingegnere del software in Vodafone. E’ qui che il suo destino professionale si incrocia con gli straordinari cambiamenti tecnologici in atto, nel mondo dei “mobile social media”. L’esplosione di questi siti portano al necessario allargamento del suo piccolo team di lavoro.

Problema: come selezionare le decine di nuovi colleghi? Luca nota subito come le risorse umane -in situazioni di stress- non siano assolutamente efficienti, nel trovare i migliori profili per l’azienda. Così, con un’ottica da ingegnere, Luca comincia a studiare soluzioni informatiche per selezionare i migliori talenti possibili, per ricoprire determinate posizioni.

La scommessa si allarga, quando Luca nota come questo problema di selezione sia comune a tutte le aziende, in ogni settore commerciale: di qui l’idea di lasciare il “posto fisso” e fondare -con un collega- la sua prima start-up, Coderloop, dedicata proprio a questo tipo di selezioni.

Negli anni Coderloop avvia una partnership con un’altra azienda, con la quale poi si fonde: nasce così Gild, già ribattezzata “la Google dei Talenti”. In poco tempo arrivano pure investimenti importanti. Luca si trasferisce in Silicon Valley, dove continua a sviluppare un progetto potenzialmente in grado di trasformare il mondo delle HR, con un forte accento sulla “meritocrazia”.

Luca ha già aperto una filiale italiana di Gild, assumendo giovani talenti del software nella Penisola.

Ospite della puntata è Damian Scavo, anch’egli startupper e fondatore di Axwave, un’altra azienda innovativa italiana in California, ad altissimo contenuto tecnologico. Con Damian approfondiamo ed ampliamo i temi dell’imprenditorialità innovativa in Silicon Valley, dei “ponti di riconnessione” con l’Italia, e delle maggiori opportunità di business nell’ecosistema americano, grazie anche ad una maggiore accessibilità per gli outsiders.

Nella rubrica “Expats” vi portiamo in giro per il mondo, raccontandovi il blog “Italian Girls on the Road”, un sito che raggruppa racconti ed esperienze di giovani italiane emigrate ai quattro angoli del pianeta. Ne parliamo con Serena Foschi, co-fondatrice del blog.

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di maggio: “E’ arrivata la ripresa, sul fronte occupazione? La vedete? Se doveste scegliere -oggi- tra restare in Italia o espatriare… quale sarebbe l’opzione su cui puntereste? E sul fronte della selezione da parte delle aziende vedete un cambio di passo, nella valutazione e risposta ai curricula?”

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #giovanitalentiue

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Alla prossima puntata: sabato 23 maggio, dalle 13.30 alle 14 (CET), su Radio 24

 

Duecentosettantantasettesima puntata di “Giovani Talenti” – Radio 24

In Fuga dei giovani on 16 maggio 2015 at 09:00

Duecentosettantasettesima puntata di “Giovani Talenti“, la trasmissione di Radio 24 che vi racconta -ogni settimana- la nuova emigrazione professionale italiana.

Imprenditori innovativi in primo piano oggi, con un duo di storie dalla Silicon Valley realmente d’eccezione: due giovani imprenditori, che Oltreoceano hanno fondato start-ups ad alto contenuto tecnologico, creando “ponti” con l’Italia.

Il protagonista della puntata, in piena sintonia con i temi della trasmissione, è meglio noto come il fondatore della “Google dei Talenti”…

***Ultima puntata oggi per “Giovani Talenti in Europa”: ultima occasione anche per i nostri ascoltatori, per assicurarsi quattro viaggi-studio al Parlamento Europeo di Strasburgo, e quattro biglietti per il Padiglione Europeo ad Expo 2015. Tutte le info su come partecipare ascoltando oggi “Giovani Talenti”. STAY TUNED!

Appuntamento -per saperne di più- alle 13.30 (CET) su Radio 24!

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di maggio: “E’ arrivata la ripresa, sul fronte occupazione? La vedete? Se doveste scegliere -oggi- tra restare in Italia o espatriare… quale sarebbe l’opzione su cui puntereste? E sul fronte della selezione da parte delle aziende vedete un cambio di passo, nella valutazione e risposta ai curricula?”

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #giovanitalentiue

Il link al blog del programma: CLICCA QUI

Le frequenze di Radio 24: CLICCA QUI

Il Podcast di Radio 24 (per chi volesse ascoltare la puntata registrata o si trovasse all’estero): CLICCA QUI

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Benvenuti a Bordo (…a Londra)

In Fuga dei giovani on 13 maggio 2015 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Nel mio recente viaggio a Londra ho avuto modo di visitare l’iniziativa “Benvenuto a Bordo”, organizzata da un gruppo di giovani italiani, che settimanalmente si riuniscono e offrono informazioni di prima necessità ai tantissimi connazionali appena approdati Oltremanica.

Ho personalmente partecipato a uno degli incontri di “Benvenuto a Bordo”: i giovani che arrivano vengono accolti con un’infarinatura generale su come trovare casa e lavoro, e su come prepararsi ad un diverso sistema sociale, per esempio a livello sanitario.

Contemporaneamente, sono attivi un servizio di consulenza dei curricula, e un servizio di consulenza legale, nel caso sorgessero problemi con gli affitti o con i datori di lavoro.

Il team è composto da giovani volontari, molto ben organizzati, che aiutano gratuitamente i connazionali. Il tutto in coordinamento con l’analoga iniziativa “Primo Approdo”, gestita dal Consolato italiano a Londra.

E’ raro trovare iniziative del genere all’estero, dove le nostre comunità sono ormai o composte da vecchi emigranti, oppure frammentate in piccoli gruppi di giovani (e nuovi) emigranti. Ancora più difficile in grandi città (qual è Londra), dove -come mi è stato raccontato- le truffe ai giovani italiani in cerca di lavoro sono in aumento esponenziale.

Truffe perpetrate da agenzie o sedicenti agenzie, messe in piedi proprio da italiani, che chiedono soldi per trovare lavori sottopagati o pagati in nero (alla faccia del mercato del lavoro meritocratico…), o che propongono affitti in topaie sovraffollate, a prezzi vergognosi.

Anche per questo un’iniziativa come “Benvenuto a Bordo” può essere estremamente utile, soprattutto per quei giovani che arrivano a Londra senza un contratto di lavoro in mano, totalmente all’avventura, in una città dove -oggi- avere successo o fallire… sono i medesimi lati della stessa medaglia.

Le info di contatto:

il sito di Benvenuto a Bordo

-e-mail: info@benvenutoabordo.org

twitter.com/benvabord #BaBjobs

Marketing Online a Londra

In Storie di Talenti on 11 maggio 2015 at 09:00

A Londra ho cambiato lavoro varie volte, ma l’ho fatto per mia scelta, e non perché costretta da un contratto in scadenza“: Laura Panico, 32enne Global Seo Manager a Londra, spiega in modo estremamente chiaro e semplice perché la Gran Bretagna sia -a livello di mercato dell’impiego- più attrattiva, rispetto all’Italia.

Una laurea in Scienze della Comunicazione alle spalle, Laura approfitta di una borsa di studio della sua Regione per tornare a Londra e iniziare uno stage, subito dopo gli studi.

Non la vidi come una fuga dall’Italia, ma come una normalissima opportunità“, ricorda ancora. Concluso lo stage, opta per restare Oltremanica, mettendosi alla ricerca di un lavoro. Siamo nel 2008, alla vigilia della grande crisi: in due mesi “intensissimi” di invio di curricula e colloqui ce la fa, ottenendo un posto da assistente al marketing digitale.

Laura resterà in quell’azienda e in quella posizione quattro anni, accumulando due promozioni. Scoprirà come contratto e stipendi siano adeguati alla sua posizione, e come -pur con poca esperienza- si possa aspirare a lavori “veri”, non sottoinquadrati e/o sottopagati. Anche l’ambiente di lavoro non è gerarchico, ma informale e collaborativo.

In un mercato del lavoro dinamico, pure la spinta a migliorarsi è conseguente: “trovandomi a Londra, sarebbe stato assurdo non cercare un’altra opportunità e adagiarsi“, riflette Laura. Dopo un passaggio in una media agency, l’approdo al suo ultimo e attuale lavoro, dove ha la responsabilità di un team.

Ospite della puntata è Clizia Sofia L’Abbate, collega di Laura in Danimarca, dove lavora come Marketing Manager. Con Clizia analizziamo le differenze tra il mondo del lavoro britannico e quello scandinavo.

Nella rubrica “Expats” restiamo in Gran Bretagna, spostandoci però a Manchester: qui conosciamo il gruppo “Italiani a Manchester”, che sta registrando una forte crescita della comunità di connazionali nel nord-ovest inglese. Riflesso diretto dell’onda montante di espatrio di connazionali Oltremanica. Ce ne parla Giovanni Brunner, co-fondatore del gruppo.

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di maggio: “E’ arrivata la ripresa, sul fronte occupazione? La vedete? Se doveste scegliere -oggi- tra restare in Italia o espatriare… quale sarebbe l’opzione su cui puntereste? E sul fronte della selezione da parte delle aziende vedete un cambio di passo, nella valutazione e risposta ai curricula?”

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #giovanitalentiue

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Alla prossima puntata: sabato 16 maggio, dalle 13.30 alle 14 (CET), su Radio 24

Duecentosettantantaseiesima puntata di “Giovani Talenti” – Radio 24

In Fuga dei giovani on 9 maggio 2015 at 09:00

Duecentosettantaseiesima puntata di “Giovani Talenti“, la trasmissione di Radio 24 che vi racconta -ogni settimana- la nuova emigrazione professionale italiana.

Andiamo oggi alla (ri)scoperta del dinamismo del mercato del lavoro britannico, con una storia che -nella sua “normalità”- ci mostra come un “job market” ricco di opportunità e mobilità permetta carriere molto più lineari e improntate alla crescita professionale, anche in anni di crisi.

E andremo a paragonare questo mercato del lavoro con quello della “flexicurity” scandinava…

***Prosegue oggi “Giovani Talenti in Europa”: per i nostri ascoltatori quattro viaggi-studio al Parlamento Europeo di Strasburgo, e quattro biglietti per il Padiglione Europeo ad Expo 2015. Tutte le info su come partecipare ascoltando oggi “Giovani Talenti”. STAY TUNED!

Appuntamento -per saperne di più- alle 13.30 (CET) su Radio 24!

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di maggio: “E’ arrivata la ripresa, sul fronte occupazione? La vedete? Se doveste scegliere -oggi- tra restare in Italia o espatriare… quale sarebbe l’opzione su cui puntereste? E sul fronte della selezione da parte delle aziende vedete un cambio di passo, nella valutazione e risposta ai curricula?”

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #giovanitalentiue

Il link al blog del programma: CLICCA QUI

Le frequenze di Radio 24: CLICCA QUI

Il Podcast di Radio 24 (per chi volesse ascoltare la puntata registrata o si trovasse all’estero): CLICCA QUI

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it