sergionava

Archive for the ‘Giovani Italians’ Category

+++Giovani Talenti in Europa 2017+++

In Giovani Italians on 3 marzo 2017 at 09:00

HAI TRA I 18 E I 35 ANNI? RACCONTACI LA TUA EUROPA IN 1500 CARATTERI… E VIAGGIA ALL’EUROPARLAMENTO DI STRASBURGO!

Radio 24, in collaborazione con l’Ufficio di Informazione del Parlamento Europeo di Milano, propone per il quinto anno consecutivo l’iniziativa “Giovani Talenti in Europa”, rivolta ai giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni. In questa edizione diamo spazio -per la prima volta- ai vostri racconti!

Ogni settimana -dal 4 marzo al 13 maggio- vi chiederemo di raccontare le vostre esperienze di studio, stage o lavoro in Europa. Ovviamente se avete già potuto sperimentarle. Per chi invece sogna ancora di viaggiare nel Continente… chiediamo di far lavorare l’immaginazione, raccontandoci le proprie aspettative. Come vi immaginate un periodo in Europa?

Tutti i racconti devono avere una lunghezza massima di 1500 caratteri (spazi inclusi).

Ascolta la puntata di “Giovani Talenti” della settimana, scopri qual è la “parola chiave” necessaria a partecipare (attenzione: la parola cambia ogni puntata), e inviaci il tuo racconto!

I tre vincitori potranno prendere parte ad un viaggio-studio a Strasburgo: i loro racconti saranno condivisi con gli europarlamentari che incontreranno in Alsazia.

Come partecipare:

A partire dal 4 marzo e fino al 13 maggio, ascolta Giovani Talenti ogni sabato dalle 13.30 alle 14.00 e annota “la parola chiave”, che dovrai inserire nell’oggetto della e-mail che ci invierai.

Avrai tempo fino alle ore 24.00 del venerdì successivo per partecipare, inviando una e-mail a concorsoeuropa@radio24.it e raccontando in max. 1500 caratteri (spazi inclusi) la tua esperienza “europea”, sia che tu l’abbia fatta, sia che tu la debba ancora fare.

Ricorda di indicare nell’e-mail il tuo nome, data di nascita, indirizzo e numero telefonico. Nell’oggetto della e-mail sarà obbligatorio inserire la “parola chiave”, che il conduttore lancerà settimanalmente.

E fai sentire subito la tua voce in Europa, rilanciando l’hashtag #giovanitalentiue !

Un team composto dalla Redazione di Radio 24 e da alcuni rappresentanti dell’Ufficio di Informazione del Parlamento Europeo selezionerà i tre racconti più interessanti. I vincitori saranno contattati nelle settimane successive per organizzare il viaggio.

***Manovra: Novità per Cervelli e Controesodati***

In Giovani Italians on 31 ottobre 2016 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Importanti novità sul fronte “controesodati”: sono contenute nella nuova legge di Bilancio, e riguardano gli incentivi per il rientro dei talenti. Incentivi che diverrebbero stabili e rafforzati. Con estensioni interessanti…

Due i fronti:

-il primo riguarda i professionisti: nell’ultimo testo della manovra si estende al 50% l’esenzione dalle tasse per i lavoratori altamente qualificati che tornano nella Penisola dopo almeno cinque anni all’estero. Il beneficio ha durata quinquennale, ed è stato esteso anche agli autonomi. Finora a beneficiarne sono stati quattromila connazionali reimpatriati.

-il secondo fronte riguarda i ricercatori: si elimina la ‘scadenza’ dello sconto per i “cervelli”, che rimane al 90% del reddito – per un triennio. La misura, introdotta dal 2011, aveva una durata di ulteriori 7 anni – ora cancellata. Finora ne hanno beneficiato duemila scienziati.

Trecentotrentacinquesima puntata di “Giovani Talenti” – Radio 24

In Giovani Italians on 2 luglio 2016 at 09:00

Trecentotrentacinquesima puntata di “Giovani Talenti“, la trasmissione di Radio 24 che vi racconta -ogni settimana- la nuova emigrazione professionale italiana.

Ultima puntata stagionale: per voi una sorpresa. Con una trasmissione completamente “out of the box”…

Appuntamento -per saperne di più- alle 13.30 (CET) su Radio 24!

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di luglio: “Buoni propositi per l’estate: scriveteci un’idea per rendere l’Italia più attrattiva, il luogo dove essere, “the place to be”. Invito rivolto a chi medita di andarsene… e a chi invece vorrebbe tornare a vivere e lavorare qui”.

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #italiaplacetobe

Il link al blog del programma: CLICCA QUI

Le frequenze di Radio 24: CLICCA QUI

Il Podcast di Radio 24 (per chi volesse ascoltare la puntata registrata o si trovasse all’estero): CLICCA QUI

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Una questione di soldi

In Giovani Italians on 25 maggio 2016 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

L’Istat ha recentemente fotografato le persistenti difficoltà che caratterizzano la vita dei giovani italiani: sono sempre di meno, troppo qualificati rispetto ai lavori che svolgono, con contratti spesso e volentieri a tempo. Giovani che -anche quando studiano a livello universitario- sono nei fatti obbligati a proseguire la carriera accademica, per evitare di restare a piedi. Così sei su dieci rimangono a casa con i genitori. E oltre due milioni di loro continuano ad essere inattivi.

Per chi volesse saperne di più, a questo link sono disponibili tutti gli approfondimenti.

Noi oggi ci limitiamo ad aggiungere un solo dato, ma molto significativo, che spiega perché i nostri migliori talenti, potendo, scelgono l’estero.

E’ anche una questione di soldi, sì: secondo un’indagine Willis Towes Watson, i nostri giovani, all’ingresso nel mercato del lavoro, percepiscono una media di 27mila euro annui. Gli spagnoli sono a 30.700 euro, i francesi a 33.400, i britannici a 33.600, i tedeschi a 47mila, gli svizzeri a 83.600 (!)

Serve altro?

 

 

Informazioni di Servizio

In Giovani Italians on 23 marzo 2016 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Informazioni di servizio, oggi:

lo sapete quali sono i Paesi con il maggior tasso di “job vacancies”, posizioni lavorative aperte, secondo Eurostat? Nel quarto trimestre 2015 erano -nell’ordine- Germania, Gran Bretagna e Repubblica Ceca, seguite da Belgio e Svezia. I tassi più bassi in Polonia, Portogallo e Spagna. L’Italia non è considerata ai fini di questa classifica, in quanto i nostri dati non coprono l’intero campione. Se lo fosse stata, a livello puramente teorico e sulla base dei dati disponibili, non ci avremmo comunque fatto una gran figura: saremmo più o meno ai livelli polacchi, in fondo cioè alla classifica.

-le buone notizie riguardano invece il progetto Garanzia Giovani, che ha superato il milione di iscritti in Italia, e che continuerà a finanziare progetti fino almeno alla metà del 2018, grazie ai fondi UE. Inoltre il Ministero del Lavoro ha annunciato che dal primo marzo è stato raddoppiato il bonus per le aziende che assumono lo stagista di GG al termine del tirocinio.

+++Giovani Talenti in Europa 2016+++

In Giovani Italians on 9 marzo 2016 at 09:00

Torna anche quest’anno “Giovani Talenti in Europa”: hai tra i 18 e i 35 anni? Scrivi la tua proposta in 140 caratteri e viaggia a Strasburgo!

Radio 24, in collaborazione con l’Ufficio d’Informazione del Parlamento Europeo di Milano, propone per il quarto anno consecutivo l’iniziativa “Giovani Talenti in Europa”, rivolta ai giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni, per dare spazio alle vostre proposte! Ogni settimana – dal 12 marzo al 14 maggio – vi chiederemo di lanciare un’idea per nuovi programmi europei, all’interno di differenti settori delle politiche giovanili UE. Su tutti: lavoro, studio e mobilità.

Ascolta la puntata di “Giovani Talenti” della settimana, scopri qual è il tema di riferimento, e invia la tua proposta! I quattro vincitori potranno partecipare a un viaggio-studio a Strasburgo: i loro progetti saranno condivisi con gli europarlamentari.

COME PARTECIPARE
A partire dal 12 marzo e fino al 14 maggio, ascolta Giovani Talenti ogni sabato dalle 13.30 alle 14.00 e scopri l’argomento del giorno! Avrai tempo fino alle ore 24.00 del giorno seguente (domenica) per partecipare, inviando una e-mail a concorsoeuropa@radio24.it e raccontare in 140 caratteri il tuo progetto europeo legato al tema comunicato nel corso della trasmissione.

Ricorda di indicare nell’e-mail il tuo nome, data di nascita, indirizzo e numero telefonico. Nell’oggetto della e-mail, invece, sarà obbligatorio inserire la parola-chiave, che il conduttore lancerà settimanalmente. E fai sentire subito la tua voce in Europa, pubblicando le proposte su Twitter, con l’hashtag #giovanitalentiue

MORE INFO A QUESTO LINK

Quote of the Week…

In Giovani Italians on 17 febbraio 2016 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

…non poteva che essere lo sfogo della ricercatrice Roberta D’Alessandro, che ha gelato i trionfalismi del Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. La quale -incautamente- aveva celebrato l’ottima posizione raggiunta dai ricercatori italiani nell’assegnazione delle borse dell’ERC europeo. Peccato che la stessa Giannini non avesse guardato bene le tabelle… se lo avesse fatto, avrebbe visto come più della metà dei nostri stessi ricercatori lo avesse vinto all’estero (!) Un “unicum” tra i grandi Paesi europei.

La geniale Roberta D’Alessandro non gliele ha mandate a dire: il suo sfogo su Facebook ha messo a nudo il gap tra il mondo reale dei nostri giovani all’estero, che suda ogni centimetro conquistato e quanto sa di sal lo pane altrui… e una classe politica che non sembra proprio avere grande spessore. Anche impegnandosi.

Il testo della ricercatrice Roberta D’Alessandro:

“Ministra, la prego di non vantarsi dei miei risultati.
La mia ERC e quella del collega Francesco Berto sono olandesi, non italiane. L’Italia non ci ha voluto, preferendoci, nei vari concorsi, persone che nella lista degli assegnatari dei fondi ERC non compaiono, né compariranno mai.
E così, io, Francesco e l’altra collega, Arianna Betti (che ha appena ottenuto 2 milioni di euro anche lei, da un altro ente), in 2 mesi abbiamo ottenuto 6 milioni di euro di fondi, che useremo in Olanda. L’Italia ne può evidentemente fare a meno.
Prima del colloquio per le selezioni finali dell’ERC, ero in sala d’aspetto con altri 3 italiani. Nessuno di noi lavorava in Italia. Immagino che qualcuno di loro ce l’abbia fatta, e sia compreso nella sua “lettura personale” della statistica.
Abbia almeno il garbo di non unire, al danno, la beffa, e di non appropriarsi di risultati che italiani non sono. Proprio come noi.
Vada a chiedere alla vincitrice del concorso per linguistica informatica al Politecnico di Milano (con dottorato in estetica, mentre io lavoravo in Microsoft), quante grant ha ottenuto. Vada a chiedere alle due vincitrici del concorso in linguistica inglese, senza dottorato, alla Statale di Milano, quanti fondi hanno ottenuto. Vada a chiedere alla vincitrice del concorso di linguistica inglese, specializzata in tedesco, che vinceva il concorso all’Aquila (mentre io lo vincevo a Cambridge, la settimana dopo) quanti fondi ha ottenuto.

Sono i fondi di queste persone che le permetto di contare, non i miei”.

Questa la replica successiva del Ministro Giannini. Quando la toppa è peggio del buco – soprattutto perchè la Giannini vola altissimo, eterea e leggera… senza ancora una volta capire il nocciolo del problema. Un capolavoro di nulla:

“Ogni forma di polemica penso sia inutile e sterile quando si parla di ricerca scientifica e di risultati importanti che riguardano la comunità scientifica nazionale. I ministri non si vantano di alcunchè, hanno semmai il dovere, come credo di aver fatto umilmente e gioiosamente, di felicitarsi con tutti i membri della comunità italiana. Ricordo poi che, alla fine, i ricercatori, gli studiosi e gli scienziati non sono, italiani, tedeschi, francesi o americani ma membri di una comunità che per definizione è internazionale. Quindi più cooperazione, più fondi per la ricerca, che è il nostro compito e la nostra responsabilità, e più meccanismi semplici perchè – ha concluso – non siamo solo in grado di far rientrare i nostri giovani o meno giovani che sono all’estero per ragioni di studio ma anche di attrarre sempre più e sempre meglio talenti stranieri”.

Neet – Inattivi

In Giovani Italians on 18 novembre 2015 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Al di là dei positivi -finalmente- dati sull’occupazione (da prendere però senza esagerare coi trionfalismi), non dimentichiamoci l’enorme montagna da scalare ora, con la necessità di ridurre strutturalemnte il numero dei Neet.

A ricordarcelo recentemente sia un’indagine de Il Sole 24 Ore, che stima in un +2% la crescita dei giovani inattivi dopo l’estate, con un calo dell’occupazione pari allo 0,8%. A bilanciare solo parzialmente il dato negativo, il calo della disoccupazione dell’1,3% (settembre).

In numeri assoluti: oltre 600mila disoccupati e 4,4 milioni di inattivi. Primato assoluto in Europa.

Dati confermati anche dal recente libro del demografo Alessandro Rosina (“Neet”), che denuncia: in soli sette anni il numero di giovani inattivi è cresciuto di oltre mezzo milione. Un anno fa abbiamo toccato il punto più basso. Attualmente navighiamo nove punti sopra la media europea.

 

 

Millennials

In Giovani Italians on 28 ottobre 2015 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Un numero, per farci riflettere: secondo il Censis, quasi cinque miliardi di euro sono transitati dai conti correnti dei genitori ai figli “under 35”, nel 2014.

948mila giovani, sui 4,4 milioni che vivono da soli, non coprono le spese mensili con il proprio reddito. Anche perché il loro reddito famigliare è inferiore di oltre settemila euro alla media nazionale. Abbiamo un problema.

La “doppia corsia” per i bonus fiscali destinati ai Controesodati

In Giovani Italians on 30 settembre 2015 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Melius abundare quam deficere: con questa logica il legislatore sembra aver interpretato la necessità di stimolare il rientro dei talenti dall’estero, al punto da aver portato a due le norme in vigore in materia di benefici fiscali dedicati ai cosiddetti “controesodati”. In aggiunta alla nota legge 238/10(Controesodo), è appena stata approvata una seconda norma, animata da propositi simili, ma con caratteristiche differenti. Anche per questo è importante sapersi orientare. […]

CONTINUA A LEGGERE SUL SITO DE “IL SOLE 24 ORE”

***UPDATE UPDATE UPDATE – I commi aggiunti nel testo del Decreto Legislativo così come pubblicato in Gazzetta Ufficiale abrogano di fatto Controesodo*** MAGGIORI INFO LA PROSSIMA SETTIMANA