sergionava

Un Analista Finanziario a Mosca

In Storie di Talenti on 18 marzo 2013 at 09:00

E’ tutto iniziato con una lettera. “Mio figlio ha concluso una carriera scolastica eccezionale. Ha appena compiuto 21 anni. Tra pochi mesi comincerà a lavorare in Russia. Fin qui la questione resta privata. Ma diventa di interesse pubblico, quando scopriamo che si è laureato con lode nella migliore università italiana, e non ha ricevuto un solo cenno di interesse da controparti del nostro Paese. Vi chiedo: cosa offrono veramente le aziende e le istituzioni italiane per trattenere i cervelli? O per indurli a tornare? Siamo sicuri di avere aziende in grado di battere la concorrenza estera? O siamo ormai già in Serie B???

Autore della missiva, è il padre di Neri Tollardo, 21enne Equity Research Analyst per Morgan Stanley a Mosca. Storia che inizia proprio in Russia, quella di Neri, che nella capitale della Federazione compie il ciclo di studi secondari, scoprendo un ambiente multiculturale, che lo porta ad essere “sempre aperto alle differenze che possono esserci tra varie nazionalità, sempre pronto a imparare anche da loro, per diventare una persona più completa, che possa avere successo in un mondo sempre più globalizzato“.

Dopo alcune candidature presso le università inglesi, purtroppo non andate a buon fine, Neri sceglie di tornare in Italia, per gli studi accademici. Si iscrive all’Università Bocconi di Milano, dove riesce a conseguire per tre anni consecutivi la borsa di studio per merito, grazie agli ottimi voti.

I problemi per Neri cominciano quando si affaccia al mondo del lavoro: in primis, lamenta lo scarso attivismo dell’ateneo nell’aiutare gli studenti a trovare stage lavorativi utili a preparare le carriere future. In secondo luogo, c’è pure il problema dello scarso interesse mostrato dalle aziende italiane nei confronti del suo profilo: per questo Neri si orienta verso le grandi banche di investimento internazionali, trovando una posizione di tirocinio presso Morgan Stanley. Lo stage a Londra è un sogno ad occhi aperti: viaggio pagato, tirocinio retribuito come se si trattasse di un neoassunto, offerta di lavoro alla fine del periodo di prova!

Lui però non accetta immediatamente, e chiede di tenere “congelata” l’offerta per un anno: nel frattempo frequenta un MSc in in Finance and Private Equity alla London School of Economics, al termine del quale -dopo cinque settimane di training nella sede di Londra- fima il contratto e parte per Mosca, dove si occupa a tempo pieno di metallurgia. “Mi sento valorizzato, apprezzato, l’azienda è riuscita a trasmettermi quanto credono nella mia crescita. Non per arroganza, ma mi chiedo come mai nessuna azienda italiana si sia fatta avanti con una proposta per me“, commenta con amarezza Neri.

Ospite della puntata è Stefano Caselli, prorettore all’Internazionalizzazione dell’Università Bocconi. Con lui commentiamo la storia di Neri, ma soprattutto riflettiamo su quanto il sistema-Italia sia reattivo nei confronti dell’assunzione e valorizzazione dei migliori talenti del Paese. Li facciamo scappare… e se sì, quale prezzo rischiamo di pagare, nell’attuale competizione per l’attrazione dei “cervelli”?

Nella rubrica “Expats” ospitiamo la terza puntata della nostra indagine sulle nuove testate italiane all’estero. E di come queste raccontino l’emigrazione dei nostri talenti più qualificati. Questa volta facciamo tappa in Svezia, per raccontarvi il giornale online Italienaren. Ce ne parla l’editore, Guido Zeccola.

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di marzo: Classe dirigente “zero tituli”, non qualificata in Italia… e classe dirigente altamente qualificata all’estero, con lauree e master importanti, ma spesso obbligata ad andarsene per mancanza di opportunità nella Penisola: non è questo il vero -drammatico- paradosso italiano? Come rimediare, come riportare al timone del Paese professionisti e talenti con i titoli e le competenze giuste? Facendoli rientrare dall’estero?

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag della settimana: #zerotitoli

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Alla prossima puntata: sabato23 marzo, dalle 13.30 alle 14 (CET), su Radio 24. Vi aspetto!

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: