sergionava

Archive for agosto 2013|Monthly archive page

Letture domenicali estive

In Giovani Italians on 11 agosto 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Oggi pubblichiamo il link all’articolo “Regioni a caccia di talenti in fuga”, pubblicato alcuni giorni fa su “Il Sole 24 Ore”, nel quale viene fatto il punto sulle iniziative locali (comunali e regionali) per riattrarre in Italia i giovani talenti emigrati.

Un utile riassunto dello stato dell’arte, all’interno delle iniziative portate avanti dai territori. Buona lettura!

CLICCA QUI PER COLLEGARTI ALL’ARTICOLO

“Giovani Talenti” – Puntate 185-189

In Fuga dei giovani on 10 agosto 2013 at 09:00

Prosegue la serie estiva di “Giovani Talenti”, con il “Best Of” delle puntate andate in onda nel corso dell’ultima stagione della trasmissione radiofonica.

Ad agosto vi presentiamo solo storie al maschile, di giovani professionisti emigrati all’estero. Come “bonus track” vi riproponiamo invece le più belle interviste ai giovani controesodati in Italia, dopo anni di lavoro all’estero. Spiegandovi perché hanno scelto di farlo.

Queste le puntate del “Best Of” Giovani Talenti per il mese di agosto:

Puntata 185 – 3 agosto “Imprenditore-Editore in Silicon Valley” + Intervista ad Alessandra Carrillo, controesodata dalla Spagna

Puntata 186 – 10 agosto “Una carriera manageriale in Lussemburgo” + Intervista a Luca Morganti, controesodato dalla Cina

Puntata 187 – 17 agosto “Uno scenografo a Shanghai” + Intervista ad Alessia Berti, controesodata dalla Gran Bretagna

Puntata 188 – 24 agosto “Giovani Talenti nella “rete” di Facebook” + Intervista ad Alessia Bottone, giovane che ha scelto di restare in Italia

Puntata 189 – 31 agosto – Puntata Speciale – “Professionisti dell’Antitrust a Bruxelles”

+++CI RIAGGIORNIAMO IL 7 SETTEMBRE, CON L’”ANTEPRIMA DI GIOVANI TALENTI”+++

+Break+

In Lettere e Proposte on 7 agosto 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Ad agosto, come da “contratto”, vi lasciamo tranquilli: godetevi le vacanze, tornate in Italia a dare un’occhiata alla situazione del Paese (se vivete all’estero), e andate all’estero ad allargare un po’ gli orizzonti (se vivete in Italia).

See you later…! / A bientot! / Hasta pronto! / Bis bald!

chiusoperferie

Il Paese dell’Eterno Gambero

In Declino Italia on 5 agosto 2013 at 11:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Non so come i nostri amici e lettori all’estero vedano l’Italia oggi. Sospetto, ma mi piacerebbe avere conferme in proposito, che lo vedano come un Paese sempre più indecifrabile, che suscita emozioni contrapposte. Che invoglia qualche piccolo sentimento di ritorno, subito frenato però da notizie che fanno letteralmente cadere le braccia. A cui segue l’immancabile commento: “Ancora??? Ma basta!

Un po’ come quei bambini estremamente bravi e dotati, con un potenziale creativo enorme… che però ti fanno uscire dai gangheri, per la loro incapacità di canalizzare questo enorme potenziale in qualcosa di concreto (proprio ora che tanto bambini non sono più, perché stanno crescendo…), continuando a voler vivere un’eterna infanzia.

Questa è l’Italia: Paese che -nel sottobosco- comincia a cambiare pelle. Nascono sempre più start-up giovani, le nuove generazioni si industriano per cambiare ritmo e modelli, mentre una parte delle vecchie generazioni ha finalmente compreso come innovazione, capitale umano qualificato e internazionalizzazione siano la chiave per affrontare questo delicato Terzo Millennio. Sullo sfondo, una stagione politica che ha imposto una discreta cura di austerità, per risanare i conti. Peccato che nessuno abbia ancora avuto il coraggio di avviare serie riforme strutturali, che spazzino via un bel po’ di monopoli e privilegi. A quando?

Non è però questo il punto: il punto è che la ricreazione è finita, per chi spera ancora in un ritorno al passato. C’era una volta un Paese del boom economico, il Paese del “Drive In”, il Paese dove i soldi giravano e venivano ampiamente dispensati per corrompere politici, evadere il fisco, tessere relazioni malsane e della peggior specie, imperniate su squallidi faccendieri. Mentre ogni politica industriale e di crescita andava a farsi fottere, ipotecando il futuro.

In molti hanno nostalgia di quel Paese dei balocchi, dove la giustizia era un inutile accessorio, dove le regole erano il giogo dei deboli e il divertissement dei potenti. Molti dei protagonisti di quella stagione sono infatti ancora lì: nella stanza dei bottoni. Alcuni hanno cambiato casacca. Altri sono passati dalla seconda linea alla prima linea. Ma sono ancora lì.

E’ quel modello di Italia che ha prodotto un’evasione fiscale annua stimata tra 150 e 220 miliardi annui (come suggeriva un recente articolo de “Il Sole 24 Ore”). Una vergogna mondiale: parliamo di una decina di manovre finanziare, perlomeno… recuperare un solo anno di evasione fiscale garantirebbe al Paese un’intera decade di manovre gratis!

Non c’è dunque reato più odioso di questo, perché priva il Paese di risorse fondamentali per la crescita, di investimenti vitali per i giovani, di un welfare state degno di questo nome, a fronte dell’enorme carico fiscale che grava sugli imprenditori onesti e sui lavoratori dipendenti.

In questo continuo tentativo di ritorno agli anni ’80 / primissimi anni ’90, a quella chimera ormai irraggiungibile di un’Italia che non esiste (fortunatamente) più, e non tornerà mai più, chiunque venga beccato con le mani nella marmellata ha a questo punto tre strade, tutte obbligatorie. Saldare il proprio debito con la giustizia. Rispettare le sentenze. E lasciare spazio a una nuova classe dirigente, basata su modelli onesti e con una visione del futuro moderna e innovativa.

L’Italia non può più permettersi passi indietro. Chiunque anteponga i propri interessi personali o di casta al futuro del Paese ha sbagliato indirizzo ed epoca storica. Ora l’Italia deve guardare avanti. Con tre stelle polari: il merito, la spinta innovativa e il rispetto delle leggi e delle regole.

Ingegneri: il biglietto di sola andata conviene…

In Fuga dei giovani on 2 agosto 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Laureato/a in Ingegneria? Meglio emigrare. Ad affermarlo è Almalaurea, che in una recente statistica ha tracciato il profilo dei giovani ingegneri italiani, confrontando le opportunità offerte nella Penisola e quelle offerte loro invece all’estero.

In Italia, precisa Almalaurea, i nostri ingegneri ancora “si salvano”, rispetto ad altre categorie professionali, ma oltreconfine guadagnano di più.

Qualche dato:

-il tasso di occupazione degli ingegneri in Italia è del 70% a un anno dalla laurea, del 93,3% a cinque anni. La situazione è in peggioramento, ma -tutto sommato- tiene;

-a un anno dalla laurea lo stipendio medio degli ingegneri è di 1304 euro, secondo solo alle professioni sanitarie. Tra il 2008 e il 2012 le retribuzioni reali nel settore ingegneristico sono calate in Italia del 9% (addirittura -17% per il complesso dei laureati specialistici);

-un ingegnere informatico all’estero guadagna, a tre anni dalla laurea, quasi il doppio rispetto a un collega rimasto in Italia;

-a tre anni dalla laurea, la quota di laureati del 2009 occupati all’estero è più elevata per gli ingegneri informatici (10,8%), rispetto al complesso degli ingegneri (6,6%) e dei laureati nel loro insieme (4,5%).

Afferma Andrea Cammelli, direttore di Almalaurea: “i nostri cervelli in fuga non cercano tanto stipendi più alti… all’estero si realizzano prima le loro capacità, viene utilizzato di più e meglio il nostro capitale umano“.