sergionava

Archive for the ‘Giovani Italians’ Category

La “doppia corsia” per i bonus fiscali destinati ai Controesodati

In Giovani Italians on 30 settembre 2015 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Melius abundare quam deficere: con questa logica il legislatore sembra aver interpretato la necessità di stimolare il rientro dei talenti dall’estero, al punto da aver portato a due le norme in vigore in materia di benefici fiscali dedicati ai cosiddetti “controesodati”. In aggiunta alla nota legge 238/10(Controesodo), è appena stata approvata una seconda norma, animata da propositi simili, ma con caratteristiche differenti. Anche per questo è importante sapersi orientare. […]

CONTINUA A LEGGERE SUL SITO DE “IL SOLE 24 ORE”

***UPDATE UPDATE UPDATE – I commi aggiunti nel testo del Decreto Legislativo così come pubblicato in Gazzetta Ufficiale abrogano di fatto Controesodo*** MAGGIORI INFO LA PROSSIMA SETTIMANA

+ AAA Cercasi Storie Giovani Espatriati/Controesodati per “Giovani Talenti” – Radio 24! +

In Giovani Italians on 8 luglio 2015 at 09:00

Giovani Talenti” cerca le nuove storie del programma, in vista della ripresa del format autunnale il 19 settembre:

a) Sei giovane e “under 40″? Laureato/a, magari con master? Sei emigrato/a dopo svariati tentativi di affermarti professionalmente in Italia, tutti andati a vuoto e/o deludenti, in termini di salario e prospettive di carriera?

Sei espatriato/a grazie a un contratto ottenuto per merito e selezione, che ti ha permesso -pur ventenne o trentenne- di raggiungere posizioni professionali inimmaginabili per te in Italia?

Nonostante ciò, non riesci a trovare posizioni equiparabili nel Belpaese, nell’ottica di un ritorno?

b) …oppure in Italia ci sei tornato/a, dopo un periodo di lavoro all’estero, scommettendo su una tua idea imprenditoriale, o accettando un’offerta di lavoro dalla Penisola? Perchè l’hai fatto? Con quale Italia ti sei confrontato/a, al tuo ritorno?

—>Scrivi a: giovanitalenti@radio24.it – La tua storia potrebbe essere raccontata “on air” in una delle puntate autunnali!

N.B. Cerchiamo storie da TUTTE le professioni: dal manager all’imprenditore, dall’architetto all’ingegnere, dal ricercatore al professore, dal giornalista al medico, dall’avvocato all’informatico, ecc. ecc.. SCRIVETECI!

Start Up… di famiglia

In Giovani Italians on 17 giugno 2015 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

E’ incoraggiante sapere che -dati Cerved /Italia  StartUp alla mano- lo scorso anno hanno ripreso a crescere le imprese innovative in Italia: 275mila, +2,3% sul 2013. Crescono pure gli imprenditori che lanciano il loro primo progetto imprenditoriale -171mila- e il numero di startup innovative (+36%).

E’ incoraggiante sapere che -secondo Unioncamere- a scommettere sul futuro con un’idea di impresa sono sempre di più i giovani. In particolare i giovani del Sud, con un forte segno di riscossa che arriva dal nostro Mezzogiorno.

E’ però meno incoraggiante leggere i dati a campione confezionati da una ricerca dell’università di Bologna e da Aster: ci raccontano che in Italia una start-up, nove volte su dieci, nasce con i soldi dei genitori o dei parenti.

Solo nel restante 10% dei casi intervengono fondi di banche o istituzioni finanziarie, oppure partecipazioni di aziende industriali. Quasi inesistente il Venture Capital, anima e motore della Silicon Valley (solo lo 0,4%).

C’è ancora molta strada da fare. Soprattutto culturale…

Laureati & Disoccupati

In Giovani Italians on 10 giugno 2015 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Ancora sul capitale umano: continuiamo oggi la nostra battaglia per denunciare come il sistema-Italia debba urgentemente cambiare passo, sul fronte della valorizzazione dei suoi giovani più qualificati.

A supporto portiamo due dati molto preoccupanti:

-secondo Eurostat, nella Penisola meno della metà dei laureati (fascia di età 20-34 anni)  risulta occupato entro i tre anni dal conseguimento del titolo, percentuale di quasi trenta (!) punti inferiore alla media europea (a 28 Paesi, compresi quelli dell’Est). In Italia lavorano a tre anni dalla laurea il 49,6% dei “dottori” – contro una media UE del 78,2%. Solo un Paese fa peggio di noi a livello continentale: la Grecia;

-persino nella “ricca” Lombardia le cose non vanno poi tanto meglio: secondo l’ultimo rapporto Almalaurea, poco meno del 40% dei laureati delle nove università lombarde risulta occupato, a un anno dal titolo. Ironicamente, queste percentuali di occupazione sono comunque migliori, rispetto alla media nazionale. Il 7% di loro prende la valigia ed emigra all’estero.

Quando capiremo che un Paese che non alza l’asticella d’impiego, puntando sulle sue risorse più qualificate ed istruite… semplicemente non ha futuro? Quando faremo sì che il nostro modello produttivo si evolva?

Circolazione dei Talenti: Iniziative Regionali

In Giovani Italians on 6 Mag 2015 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Oggi due segnalazioni di servizio. Non senza ricordare gli ultimi dati sulla disoccupazione giovanile, tornata a salire al 43,1% (+0,3% in un mese). Il tasso di inattività tra gli “under 25” è pari al 74,5%. E -secondo Eurobarometro- il 52% dei giovani italiani è preoccupato di non trovare un lavoro stabile al termine degli studi – la percentuale più alta all’interno dell’Unione Europea.

Ma andiamo ora alle segnalazioni, entrambe su base regionale:

al via la seconda edizione del progetto “Torno Subito” della Regione Lazio. Dodici milioni di euro, per fornire opportunità di esperienze di studio o lavoro all’estero, e rientrare poi in regione, per portare le conoscenze acquisite in aziende ed enti pubblici. Un’iniziativa che va nella direzione della “circolazione dei talenti”. Tutte le info a questo link: clicca qui

terza edizione del “Creativity Camp” della Regione Umbria, che premia le migliori idee di impresa innovative dei giovani (“under 35”). I vincitori riceveranno un premio per la realizzazione di uno stage o di un corso di formazione, in Italia o all’estero. Tutte le info cliccando su questo link.

Stipendi “polacchi” / costo della vita “svizzero” – The Expo Case

In Giovani Italians on 29 aprile 2015 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Se c’è qualcosa che può spiegare -meglio di qualsiasi articolo o lezione accademica- l’Italia a uno straniero in arrivo questa settimana ad Expo… beh, questa è proprio la vicenda dei famosi “contratti Expo“.

Un articolo su un noto giornale nazionale -pochi giorni fa- lanciava l’allarme sociale: Expo offre lavoro, ma quei “bamboccioni” dei nostri giovani spariscono, non appena qualcuno offre loro l’occasione di tirar su le maniche. Autocritica di categoria: prima di pubblicarlo, forse sarebbe stato il caso di approfondire un po’ di più… che ne dici, collega?

Poi però si scopre che le agenzie interinali incaricate di fare la selezione stavano -nei fatti- offrendo un tipo di contratti che -a fronte di 28/36 ore di lavoro settimanali- corrispondeva la miseria di 800-900 euro netti mensili.

La solita furbata all’italiana. Il lavoro non c’è, allora si gioca al ribasso. Nell’ambito di un evento di portata internazionale, intorno al quale girano milioni e milioni di euro, la manodopera la si paga con stipendi da Paese dell’Est Europa. Dimenticandosi che Expo si trova a Milano, città notoriamente davvero cara, per viverci.

La solita logica dello “stipendio polacco-costo della vita svizzero”, che sta mettendo in ginocchio un’intera generazione di giovani.

Quando capiremo che fare i furbi non paga… non sarà mai troppo tardi. O forse, scusate se mi contraddico, è già troppo tardi.

I nostri migliori giovani hanno fatto nel frattempo le valigie, volando verso destinazioni dove lo stipendio è commisurato al costo della vita. Expo o non Expo. Ribadisco: con tutti i soldi che girano intorno a questo maxievento, non si riusciva a garantire stipendi un po’ più decenti?

+++”Giovani Talenti in Europa 2015″+++

In Giovani Italians on 13 marzo 2015 at 09:00

RADIO 24 – “GIOVANI TALENTI IN EUROPA 2015”

 QUEST’ANNO SI RADDOPPIA: QUATTRO VIAGGI STUDIO ALL’EUROPARLAMENTO DI STRASBURGO E QUATTRO BIGLIETTI DI INGRESSO AL PADIGLIONE EUROPEO DI EXPO 2015

La trasmissione “Giovani Talenti” di Radio 24 (www.radio24.it), in onda ogni sabato dalle 13.30 alle 14, organizza per il terzo anno consecutivo l’iniziativa”Giovani Talenti in Europa”, che quest’anno raddoppia le possibilità per i nostri ascoltatori: oltre agli ormai tradizionali quattro viaggi di istruzione al Parlamento Europeo di Strasburgo, si potranno portare a casa quattro biglietti di ingresso al padiglione europeo di Expo 2015, a Milano.

“Giovani Talenti in Europa” è un’iniziativa aperta a tutti gli ascoltatori della trasmissione, di età compresa fra i 18 e i 40 anni. Partecipare è semplice: sarà sufficiente sintonizzarsi ogni sabato alle 13.30 sulla trasmissione “Giovani Talenti”, ascoltare il tema sul quale il conduttore chiederà di lanciare una proposta, e inviare la propria idea in 140 caratteri (la lunghezza di un tweet) alla casella di posta concorsoeuropa@radio24.it , entro la mezzanotte del giorno successivo. 

Nell’e-mail di candidatura occorrerà comunicare il proprio nome, data di nascita, indirizzo e numero telefonico. Nell’oggetto della e-mail, invece, sarà obbligatorio inserire la parola-chiave, che il conduttore lancerà settimanalmente.

Gli ascoltatori sono invitati anche a far sentire subito la propria voce in Europa, pubblicando le proposte su Twitter, con l’hashtag #giovanitalentiue

L’iniziativa “Giovani Talenti in Europa” sarà attiva da sabato 14 marzo a sabato 16 maggio, per un totale di dieci puntate del programma.

L’iniziativa è svolta in collaborazione con l’Ufficio d’Informazione del Parlamento Europeo di Milano.

ll Circolo Vizioso

In Giovani Italians on 4 febbraio 2015 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Partiamo dai dati positivi, stavolta: la disoccupazione giovanile è sensibilmente calata, passando in un solo mese al 42%, il valore più basso in un anno, -1% in 31 giorni.

Dato indubbiamente incoraggiante, che forse fa intravedere una svolta. Ma non dimentichiamo che -al contempo- sono aumentati gli inattivi, una “camera di compensazione” che si amplia e si svuota regolarmente, incidente sul numero di occupati e disoccupati. Indica l’Istat come -in un solo mese- gli inattivi siano cresciuti di 37mila unità, +0,9%. Non si tratta di nuovi occupati. Ma di giovani che il lavoro non lo cercano più. E che per questo, paradossalmente, non figurano tra i disoccupati.

Altro dato su cui riflettere, quello della Garanzia Giovani: a tutti gli effetti un flop clamoroso, a cui il Governo sta cercando di mettere una pezza. Solo il 22,8% dei potenziali beneficiari si sono iscritti al programma, 392mila giovani circa. E non solo i giovani inattivi non credono nel piano (che -tra l’altro- è gratis): pure le aziende sembrano sostanzialmente disinteressate. Da maggio ad oggi sul portale sono comparse solo 30mila offerte di lavoro, per un totale di 43mila posti. Una goccia nel mare. E non parliamo della qualità delle posizioni offerte, molto spesso sotto gli standard…

Attualmente sono attive solo 3784 offerte di lavoro, per quasi seimila posti in totale. Pochi, davvero troppo pochi.

Poiché ci piace chiudere con una dichiarazione significativa, oggi vi citiamo quella -recentissima- del Governatore di Bankitalia Ignazio Visco: “le imprese italiane non investono sull’innovazione tecnologica, favorendo così la fuga dei cervelli. In presenza di significative difficoltà nel trovare competenze adeguate nel mercato del lavoro, le imprese sembrano reagire non innalzando i salari, bensì riducendo la propensione a investire in nuove tecnologie, contenendo di conseguenza il fabbisogno di manodopera qualificata. L’innescarsi di questo circolo vizioso deprimerebbe ulteriormente l’incentivo all’investimento in capitale umano, spingendo i lavoratori altamente qualificati a emigrare, in cerca di migliori opportunità lavorative. Alcuni studi della Banca d’Italia attribuiscono quasi metà del divario nella quota di laureati tra Italia e Germania a questo ipo di interazioni“.

Dati da segnare in Rosso

In Giovani Italians on 14 gennaio 2015 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

In attesa del Jobs Act e -soprattutto- dei suoi decreti attuativi, ricordiamo due soli dati: quello sulla disoccupazione giovanile, salita a novembre alla cifra record di 43,9% (peggio di noi in termini percentuali solo Spagna, Grecia e Croazia nell’UE), con 729mila giovani senza lavoro…

…e quello di Garanzia Giovani, che ormai “vivacchia” poco sopra quota 300mila iscritti, un quinto del bacino potenziale. Segno che il programma sta rapidamente perdendo appeal. Qualità e numero delle offerte di lavoro presenti sul portale certamente non incoraggiano.

Urge fare presto.

Recall – MeeTalents 2014

In Giovani Italians on 19 novembre 2014 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Come vi avevamo recentemente annunciato, anche quest’anno torna MeeTalents, il primo e unico forum italiano che mette a confronto i talenti espatriati con le istituzioni e le aziende.

La location scelta quest’anno è quella di Perugia, con l’organizzazione logistica di Brain Back Umbria e quella operativa di ITalents.

Per un numero limitato di partecipanti è previsto anche un rimborso spese: info a rete@italents.it

Per ulteriori info potete cliccare su questi links:

SITO MEETALENTS

SITO BRAIN BACK UMBRIA

IL PROGRAMMA PROVVISORIO

19 Dicembre 2014

Teatro della Sapienza (Centro ONAOSI)

Via della Sapienza, Perugia

 

13:30 Registrazione con cocktail di benvenuto
14:30 Saluti e apertura
Saluto di benvenuto

Catiuscia Marini, Presidente Regione Umbria

Claudio Carnieri, Presidente Agenzia Umbria Ricerche

Andrea Romizi, Sindaco di Perugia

 

Apertura dei lavori:

Alessandro Rosina, iTalents

Anna Ascani, Agenzia Umbria Ricerche

15:00 Quale Italia comunichiamo all’estero.

Sdrammatizzazione di cosa hanno vissuto e vivono gli umbri/italiani all’estero. Dedicato alle istituzioni e alle imprese italiane.

Introduce: Roberto Bonzio, Italiani di Frontiera

 

Proiezione video “Quale Italia comunichiamo all’estero”

 

Premiazione Concorso Fotografico “L’Umbria che attrae” – riservato a giovani delle classi 5° delle scuole medie superiori umbre

15:30 Proposte su circolazione, attrazione e rete dei talenti
Introduce: Paolo Balduzzi, iTalents

 

Interventi programmati in base alla discussione sulla piattaforma online relativamente alle proposte selezionate attraverso il sondaggio.

Q&A: spazio per domande dei partecipanti

 

Modera: Gabriele Biccini, Portavoce Forum regionale dei Giovani – Umbria

16:30 Valorizzare i talenti in tempi di crisi
Tavola Rotonda

Intervengono:

Federica Angelantoni, Amministratore Delegato di Archimede Solar Energy S.r.l.

Chiara Gabbi, Direttore Esecutivo Young ISSNAF – Italian Scientists and Scholars in North America Foundation

Gabriele Galatioto, Maglificio Galassia srl – Pashmere

Tiziana Grassi, ideatrice del “Dizionario delle Migrazioni Italiane nel Mondo”

Giovanni Paciullo, Rettore Università per Stranieri di Perugia

Lorenzo Pompei, La Fonderia dei Talenti

Elena Stanghellini, Referente Relazioni InternazionaliUniversità degli Studi di Perugia

Riccardo Stefanelli, Brunello Cucinelli SpA

 

Testimonianze di talenti umbri dall’estero:

           Federico Bonotto, General Manager di FAIST China (sede cinese di FAIST Group, settore metal-meccanico umbro) e Direttore della Camera di Commercio Italiana in Cina

Michele Bruni – Presidente Autentica srl, start up creata con il progetto Brain Back Umbria

 

Modera: Andrea Marinelli, collaboratore Corriere della Sera e co-fondatore di “Peninsula Hotel”

18:30 “La parola alla istituzioni”
Traendo indicazioni rispetto alle aspettative nei loro confronti, le istituzioni rispondono con riflessioni, contro-proposte, osservazioni. Si impegnano ad attivare politiche e progetti per realizzare quanto suggerito dai talenti.

 

Intervengono:

Anna Ascani, Parlamentare Camera dei Deputati

Brando Benifei, Parlamentare europeo

Mario Pera, Segretario Generale della Camera di Commercio di Perugia – progetto “Improve your Talent”

Andrea Romizi, Sindaco di Perugia

Guglielmo Vaccaro, Parlamentare Camera dei Deputati

 

Modera: Eleonora Voltolina – iTalents

 

Conclusioni a cura di Luigi Bobba, Sottosegretario del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

19:30 Suggestioni sull’Umbria enogastronomica a cura di Antonio Andreani e Antonio Boco
Buffet