sergionava

Start-up in Colombia

In Storie di Talenti on 21 marzo 2016 at 09:00

Fare l’imprenditore in Italia? Non l’ho ancora mai considerato, perché ho sempre visto i miei genitori -piccoli imprenditori- soffrire moltissimo nella Penisola, per la quantità di burocrazia e per l’incidenza delle tasse. Penserò a un possibile ritorno, quando vedrò succedere in Italia dei cambiamenti, che aiutino a valorizzare e promuovere il lavoro e l’imprenditoria“: così scrive Matteo Cera, 33enne startupper italiano basato in Colombia.

Dopo il liceo classico Matteo si iscrive a Economia e Commercio, dove ha presto l’occasione di entrare in contatto con realtà estere, in Austria e Svezia. Lì fa la riflessione che gli cambierà la vita: “ho capito quanto fossi indietro come futuro lavoratore, rispetto ai miei coetanei europei“.

A 22 anni arriva la laurea: “dopo alcune infruttuose esperienze di internship in Italia, ho continuato a studiare“. E così torna a Stoccolma, per iscriversi ad un Master alla “School of Economics”. Concluso il quale, siamo nel 2006: “ho inviato il mio curriculum a decine di potenziali datori di lavoro all’estero“. Il risultato è quasi immediato: viene assunto da una grande banca d’affari a Londra, come Analista di Investment Banking.

Il periodo londinese è molto intenso: 80-100 ore di lavoro la settimana, ma impara moltissimo. Nel 2009 il rientro in Italia, con una società di consulenza. E due anni dopo Matteo torna all’estero: questa volta in Colombia, inviato dalla sua azienda.

E’ nel Paese sudamericano che Matteo matura la sua idea di impresa innovativa: fonda così Hogaru, società che fornisce addetti alle pulizie per prestazioni occasionali. “Costruire un’impresa è stato molto più difficile del previsto“, riflette oggi Matteo. Intanto però ragiona già su future espansioni all’estero, che per lui significano Messico e Perù.

Ospite della puntata è Antonio Perdichizzi, Ceo di Tree e vicepresidente di Italia Startup. Con lui facciamo il punto sull’ecosistema innovativo nella Penisola.

Nella rubrica “Expats” voliamo a Parigi, per raccontarvi un sito che spiega la vita in Francia, agli italiani che stanno meditando un trasferimento Oltralpe. Ne parliamo con Elena Italiani, ideatrice di Italiani Pocket.

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di marzo: “Siete “controesodati” in Italia? Avete ancora dubbi su quali benefici fiscali si applichino, se quelli della vecchia legge 238/10, o quelli della nuova normativa? Vedete ancora una enorme confusione, e non sapete come orientarvi? Mandateci le vostre e-mail, le vostre domande e le vostre riflessioni – a fine mese proveremo a darvi una risposta”.

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.it  I migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese:#giovanitalentiue

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Alla prossima puntata: sabato 26 marzo, dalle 13.30 alle 14 (CET), su Radio 24

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: