sergionava

Ingegnere Informatico in Olanda – Valorizzazione Cercasi

In Storie di Talenti on 8 dicembre 2014 at 09:00

A un certo punto è diventato per me evidente che l’Italia non vuole, o non può, valorizzare i suoi giovani. Ho deciso così di spostare la mia attenzione sul mercato del lavoro estero: se fossi rimasto mi sarei dovuto accontentare, e non ho voluto iniziare la mia carriera sulle basi di un compromesso“: parole chiare, quelle di Diego Ferrari, 31enne ingegnere informatico al lavoro per una multinazionale ad Amsterdam.

Diego vi approda dopo una laurea e un Master, conditi da un anno di studi all’università di Glasgow: “all’inizio ho cercato lavoro a Pavia e Milano, ma rapidamente mi sono ritrovato frustrato dall’impossibilità di trovare sbocchi occupazionali veramente interessanti, con aziende impegnate a investire sui giovani“. Diego rimprovera al nostro tessuto produttivo la poca propensione al “rischio”, inteso come “investimento” sul talento dei neolaureati: ironicamente, proprio la categoria degli ingegneri informatici appare -secondo una ricerca Unioncamere- quella al momento più richiesta dalle aziende italiane. Ma a quali condizioni contrattuali e di crescita, occorre chiedersi?

Diego prende la decisione di partire per l’Olanda: “arrivato ad Amsterdam, ho trovato impiego presso un gruppo finanziario dei Paesi Bassi, partecipando allo sviluppo di nuovi sistemi IT“. Scopre -contemporaneamente- un mercato del lavoro funzionante per i giovani di talento, spesso oggetto essi stessi di una vera e propria contesa tra le aziende, per accaparrarseli.

Quattro anni fa l’approdo nell’attuale multinazionale del settore energetico, con un percorso che lo porta ad acquisire -poco più che trentenne- un carico di responsabilità impensabile in Italia. “Ho chiesto di partecipare a “Giovani Talenti” per condividere la mia frustrazione, nel vedere un Paese così bello e ricco come l’Italia buttarsi via e rovinarsi cone le sue mani“, conclude, amarissimo, Diego.

Ospite della puntata è Luca Cutolo, collega di Diego, anch’egli al lavoro nella stessa multinazionale, pur con una posizione più “senior”. Luca in Italia ha lavorato: con lui confrontiamo i due sistemi -italiano e olandese- in termini di opportunità per i giovani.

Nella rubrica “Expats” torna -come ogni primo sabato del mese- lo spazio “Andata”, a cura di Aldo Mencaraglia. Aldo oggi ci mette in guardia dai potenziali rischi di un “espatrio improvisato”, deciso solo sulla base della spinta emotiva.

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di dicembre: A conclusione del 2014, quanto avete visto aumentare -quest’anno- il grado di attrattività dell’Italia, nell’ottica di un possibile ritorno nella Penisola? Vedete il Paese muoversi nella direzione giusta, di attrazione dei talenti? Indicateci il vostro voto sull’attrattività italiana, da 1 a 10!”

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #attrarretalenti

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Alla prossima puntata: sabato 13 dicembre, dalle 13.30 alle 14 (CET), su Radio 24. Vi aspetto!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: