sergionava

Un Geologo in Angola

In Storie di Talenti on 6 ottobre 2014 at 09:00

Ho la percezione che la mentalità italiana è tale… e non si può sradicare solo a parole o a corsi di management aziendali. Di fatto si nasce e si cresce in un ambiente nel quale -spesso- si sentono dire quelle frasi fatte del tipo: “ha santi in paradiso” o “raccomandazione”, “serve un aiutino o una conoscenza o una spintarella”. Quindi, fin da piccoli, i nostri genitori sperano di poter sistemare i propri figli grazie a qualcuno, e difficilmente credono che possano farcela solo grazie alle proprie capacità. Questa mentalità la ritroviamo anche al di fuori dalla famiglia, in ambito più o meno velato… e gli esempi sono -purtroppo- quotidiani“. Inizio eloquente, quello di Luca Magini, 39enne geologo operativo al lavoro in Angola.

Luca ha sperimentato sulla propria pelle cosa significhi la “meritocrazia” all’italiana. Il suo significato, assolutamente vuoto e puramente teorico. Sceglie una laurea in Geologia all’Università di Pavia: “fresco di laurea mi accorsi di essere bollato dalla societa’ come un povero “dottore”, con un titolo da disoccupato“, afferma senza mezzi termini.

Sceglie così un percorso da militare, che lo porterà fino in Bosnia. Alla vigilia di un’altra partenza con l’esercito, questa volta verso l’Iraq, viene però con sua sorpresa chiamato da una multinazionale italiana: l’occasione della vita si materializza.

La realtà si rivela però presto diversa dalle aspettative, nonostante l’inserimento in un Master per lo sviluppo accelerato delle capacità manageriali, riservato ai talenti più promettenti. Luca si accorge infatti come i processi di selezione, con tanto di certificazione esterna, abbiano già dei “predestinati”.

Il resto, è un lungo “cahier des doléances” di un’Italia dove la gestione delle risorse umane appare totalmete sfasata rispetto alle migliori pratiche internazionali di valorizzazione del capitale umano: in termini di contratto, orario di lavoro, modalità di lavoro, trattamento del personale, prospettive di carriera… fino ai meeting aziendali, fiera delle vanità e delle molteplici incompetenze dei troppo “signorsì”.

Luca si guarda intorno, dopo i miliardi di promesse disattese e le missioni “obbligate” in Paesi lontani. Si lascia alle spalle quello che lui stesso definisce il sistema “geratrico-gerarchiale” italiano, accetta l’offerta di una multinazionale francese, ed espatria in Angola. Dove trova una situazione sostanzialmente ribaltata, in termini di gestione delle risorse umane: “ora sono rispettato come persona, ma soprattutto come tecnico“, conclude.

Ospite della puntata è Cesare Perotti, docente di Tettonica e Geodinamica presso la Facoltà d Scienze dell’Università degli Studi di Pavia. Con lui approfondiamo le opportunità lavorative per i geologi, tra Italia ed estero.

Nella rubrica “Expats” torna -dopo la pausa estiva- “Andata”, a cura di Aldo Mencaraglia: Aldo oggi ci spiega le prime elementari regole di “galateo” da rispettare, quando si approda in un nuovo ambiente di lavoro all’estero.

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di ottobre: La riforma del mercato del lavoro entra nel vivo: stavolta ci credete? Basta una seria riforma del mercato dell’impiego per evitare la fuga all’estero? Come dovrebbe essere, secondo voi, questa riforma? E per frenare l’esodo di giovane capitale umano dall’Italia, cosa serve – in più?”

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #riformalavoro

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Alla prossima puntata: sabato 11 ottobre, dalle 13.30 alle 14 (CET), su Radio 24. Vi aspetto!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: