sergionava

L’Emigrazione fotografa il Declino

In Declino Italia on 2 luglio 2014 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Le statistiche, nella loro amara crudeltà, rappresentano un’Italia in crisi, da dove -chi può- se ne va.

A restituire il quadro è l’Istat, nella tabella degli indicatori demografici. Ci racconta di un Paese dove:

nel 2013 il saldo migratorio con l’estero è sceso a 182mila unità, avvicinandosi sempre più allo zero;

-il risultato è dato da un calo combinato dei flussi in arrivo (scesi a 307mila unità), e dall’aumento delle emigrazioni, cresciute a 126mila. Nota importante: queste cifre raggruppano sia cittadini italiani, sia cittadini stranieri. Insomma: non solo gli italiani, ma anche gli stranieri scappano;

-il calo del tasso migratorio è più netto e intenso nel Centro e nel Nord: le regioni-locomotiva del Paese stanno perdendo attrattività. E questi sono numeri, non opinioni;

-limitandosi alla sola emigrazione italiana, l’Istat quantifica in 82mila i connazionali che si sono trasferiti all’estero lo scorso anno. 14mila in meno, rispetto ai dati Aire che abbiamo reso noto quasi due mesi fa – ma questo fa parte dei misteri delle statistiche ufficiali italiane (Istat e Aire non riescono mai a fornire un dato che sia coincidente);

-conferma l’Istat: mète preferite dai connazionali per cercare fortuna all’estero sono Gran Bretagna (13mila espatri), seguita da Germania (11mila 600) e Svizzera (10mila). Fuori dall’Europa primeggiano Stati Uniti, Brasile, Argentina e Australia;

-sul fronte “Controesodo” l’Istat conferma il basso indice di ritorno degli italiani: solo 28mila l’anno scorso, persino in calo rispetto ai già esigui numeri degli anni precedenti. Si torna soprattutto da Germania, Svizzera e Gran Bretagna.

Numeri che fotografano un Paese che -al di là del momento contingente- si è infilato in un cul de sac, in una spirale discendente. Paradosso di un Paese che fu dinamico, fu creativo, potrebbe potenzialmente attrarre i migliori da tutto il mondo… ma giace steso nella palude che si è coltivato. Affossato dalla peggior classe dirigente che una nazione civile avesse mai potuto avere.

Numeri che fanno il paio con il Rapporto Bes di Istat/Cnel, che dipinge un’Italia in ginocchio: occupazione sotto il 60%, lavori sempre più precari, e giovani -la parte più vitale e innovativa della società- sempre più inattivi e sempre più depressi. Una “depressione generazionale” che attanaglia ormai anche i laureati, categoria che dovrebbe essere invece il turbo propulsivo del Paese.

Si parla tanto di riforme strutturali: sì, servono, subito, e senza guardare in faccia alcuna lobby o corporazione. Nessuna rendita di posizione, nessun potentato locale o nazionale. Time is out.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: