sergionava

Fuga Continua – Ma in Silenzio, ora

In Fuga dei giovani on 28 maggio 2014 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Stupisce come l’incremento della fuga degli italiani dalla Penisola non faccia quasi più notizia. Tipico, d’altronde, di un Paese che si appassiona per brevi periodi ai suoi problemi, per poi disamorarsene quasi subito dopo, senza nel frattempo trovare soluzioni definitive.

Un esempio ne è la Legge Controesodo, la 238/10, che rischia una condanna a morte a fine 2015, qualora gli sgravi fiscali che ne costituiscono l’ossatura non dovessero ottenere una proroga. Il rischio è che Controesodo  -un piccolo, ma utile strumento per incentivare i nostri giovani emigrati a tornare nel Paese- resti una cassetta d’attrezzi vuota. I suoi promotori hanno presentato mesi fa una proposta di estensione dei benefici fino al 2018, ma -tra i vari dossier persi di vista con l’ultimo cambio di Governo- c’è anche questo (l’idea di Controesodo arriva dall’area “lettiana” del PD, probabile una minore sensibilità da parte dell’area “renziana” – fa cadere comunque le braccia osservare come tutto si risolva sempre in un gioco di correnti politiche, al di là dell’interesse pubblico, in questo Paese).

Dicevamo: nel silenzio generale, l’emigrazione dall’Italia cresce e aumenta, al punto da non stupirci neppure più. Gli ultimi dati indicavano un incremento fino a quasi 100mila espatri ufficiali nel 2013, un boom verso la Gran Bretagna, e un movimento migratorio dal Centronord Italia.

La scorsa settimana nuove conferme dalla Germania (ufficio di statistica federale Destatis):

-i tedeschi hanno registrato un incremento dei flussi in arrivo nel Paese, che ha portato il totale a 1,22 milioni di immigrati nel 2013 – record da 20 anni;

gli italiani hanno fatto segnare un +52% nel 2013, con 32mila connazionali espatriati (tre volte tanto rispetto ai numeri ufficiali dell’Aire!). Il nostro incremento è stato nettamente superiore a quello dei “cugini della crisi” spagnoli (dalla Spagna 22mila espatri, +19%).

Mentre i media si annoiano e  sbadigliano, la fuga prosegue. Buon viaggio. E buona fortuna!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: