sergionava

Un Ingegnere in Belgio

In Storie di Talenti on 10 febbraio 2014 at 09:00

Io non appartengo a coloro che hanno difficoltà a trovare un lavoro, ma a coloro che un lavoro in Italia l’hanno sempre avuto. Tuttavia, più che una via verso la gratificazione personale, ha rappresentato l’inizio della frustrazione… e a pensarci è terribile. Ci metti una fatica immane a trovare impiego, poi quando ce la fai ti accorgi che è solo una forma di sostentamento. Per la mia generazione, la situazione italiana è una spirale contorta, un circolo vizioso che non ti fa andare avanti, ma ti fa girare a vuoto“: lo sfogo di Paolo Quartulli, 33enne International Project Manager pe una multinazionale a Bruxelles, è anche lo sfogo di una generazione che avrebbe voluto trovare in Italia le stesse opportunità di crescita e valorizzazione offerte loro all’estero.

Paolo si laurea in soli cinque anni in Ingegneria, dopodiché si cimenta in ben tre lavori, nella Penisola. Ad ogni tappa segue una delusione, legata all’impossibilità di crescere, di poter fare un salto qualitativo, di doversi sempre e solo confrontare con una “logica del gioco al ribasso”. Perché l’Italia è un Paese che ha smesso di far sognare i propri giovani, di incitarli a volare alto.

E’ per questo che professionisti come Paolo scelgono di andarsene, per inseguire sfide professionali ambiziose all’estero. Per sfuggire alla superficialità e alla mediocrità imperanti… che sono arrivate a corrodere ormai anche l’ambito lavorativo, in Italia. Approssimazione e incompetenza non sono solo più appannaggio della politica: le si vive persino sul luogo di lavoro. E’ il collasso di un certo modello di classe dirigente.

Quando ho preso la decisione di lasciare l’Italia, l’ho fatto con la speranza di confrontarmi con una cultura diversa, e con un’attività a più ampio respiro internazionale. Soprattutto, con progetti più complessi, in gabinetti più strutturati“, precisa Paolo, approdato nella sede di Bruxelles di una grande multinazionale francese. “In Belgio, a soli 33 anni, coordino minimo dieci capi ingegneria di ogni dipartimento. Gestisco contratti fino a otto milioni di euro. Opero in tutto il mondo. Il mio capo è lì solo per supportarmi. Ho piena autorità su tutti i miei progetti, che poi vengono valutati con obiettivi insindacabili. Il mio management è competente e umile“. La riflessione di Paolo è l’epitaffio di un certo modello di Italia, che appare l’esatto quadro rovesciato della situazione lavorativa che vive ora all’estero.

Ospite della puntata è Giuseppe Medeghini, anche lui ingegnere: Giuseppe ha scelto di rientrare in Italia, dopo alcuni anni in Inghilterra. E proprio per sfuggire a certe logiche lavorative prettamente “italiane”, Giuseppe ha  deciso di farlo non come dipendente, ma con un proprio progetto imprenditoriale, centrato sulle energie rinnovabili. Ci racconta la sua personale sfida di “Controesodo”.

Nela rubrica “Expats” ospitiamo l’interessante progetto di narrazione fotografica della nuova emigrazione professionale italiana: si chiama “Londra Beautiful People”, ha al proprio centro i nuovi emigrati italiani nella capitale inglese, e a realizzarlo è stata una 35enne fotografa, Samantha Capitano.

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di febbraio: Considerate possibile il ricambio della classe dirigente in Italia, a tutti i livelli, mediante una robusta iniezione di giovani professionisti di talento, qualificati, di rientro dall’estero? Se sì, come – concretamente? Inviateci proposte!

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #potereagliespatriati

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Alla prossima puntata: sabato 15 febbraio, dalle 13.30 alle 14 (CET), su Radio 24. Vi aspetto!

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: