sergionava

Una Giornalista a New York

In Storie di Talenti on 16 dicembre 2013 at 09:00

“In ufficio da me, uno dei miei capi ha 22 anni. Non è ancora laureato, ma è a tutti gli effetti un capo, sia per talento che per affidabilità, e la sua giovane età non entra neanche in questione, se consideriamo il modo in cui il resto dell’ufficio si relaziona a lui. Qui non ha importanza chi sei, quanti anni hai, e in una certa misura non importa nemmeno da dove vieni (ammesso che tu abbia tutte le carte in regola per lavorare legalmente): se sei capace, puoi fare. E non è che te lo lascino fare con lo sguardo paterno, con quell’attitudine di chi stuzzica un bambino a giocare con le costruzioni, e si esalta quando il piccolo ne assembla alcuni per formare una casetta. No: qua i mattoni da usare sono veri, come le cose che devi costruire. Altrimenti avanti un altro”.

La “meritocrazia” spiegata agli italiani: Francesca Giuliani, 25 anni, giornalista, racconta così come funziona l’ambiente di lavoro a Dataminr, azienda editoriale innovativa presso cui lavora, a New York.

La storia di Francesca Giuliani non è solo la storia di una reporter espatriata nella Grande Mela. E’ anche la storia di quello che potrà essere il mondo del giornalismo, in proiezione futura.

Francesca approda Oltreoceano già durante gli studi universitari (Scienze della Comunicazione e Scienze di Governo): uno stage alla Rai è la sua prima esperienza internazionale nel mondo editoriale. Alla fine del tirocinio, però, nessuna possibilità di proseguire. Lei ha già deciso, in ogni caso, che il suo futuro -personale e professionale- sarà negli Stati Uniti.

Conclude la laurea e torna a New York, scartando l’ipotesi di proseguire gli studi con una scuola di giornalismo in Italia. Anche perché scopre che queste scuole sono -spiace dirlo- del tutto inutili: “qui negli Usa la gente trova lavoro (parlo di un lavoro vero, che paga, con contratti a tempo indeterminato) con quella che per noi e’ la laurea triennale, e non tutti fanno un master. Non muore nessuno, tantomeno la cosa pregiudica le loro possibilita’ di avanzamento professionale“, spiega lei. Perché continuare a passare anni sui libri, quando a 20 anni si è ormai pronti per lo sbarco nel mondo del lavoro?

A New York Francesca trova lavoro come ricercatrice alla NYU: parallelamente, avvia una fitta rete di collaborazioni come freelance, per testate sia italiane sia americane. Nel novembre di un anno fa lo sbarco nel mondo delle start-up editoriali: trova lavoro a Broadcastr, l’azienda autrice della app Spun. L’esperimento dura però solo pochi mesi.

Più recentemente si è unita al gruppo di Dataminr, dove trova la conferma dei cambiamenti rivoluzionari che stanno attraversando la professione: “i vecchi modelli non calzano più, c’e’ cosi’ tanto altro da sapere, da fare, da sviluppare, che ho veramente paura che l’Italia non riuscirà a restare al passo con tutti questi cambiamenti, così complessi e rapidi. Gli italiani adulti sono troppo disconnessi da queste realta’, ma anche i giovani temo si siano seduti e rassegnati”, scrive Francesca. E sul giornalismo aggiunge: “è proprio questa cecità del giornalismo italiano che mi preoccupa: il mondo va avanti, le abitudini di lettura si modificano, l’informazione viaggia così velocemente che i lanci di agenzia rimasticati dai giornali italiani non sono piu’ sufficienti. Il giornalismo non puo’ essere pigro, ma in Italia ancora si considerano i giornali cartacei come le fonti di informazione più autorevoli. La carta ormai e’ un lusso, le vere notizie circolano su Twitter – addirittura le grandi agenzie di stampa stanno diventando obsolete”.

Ospite della puntata è Barbara Serra, la giornalista italiana più internazionale del momento. A Londra è uno dei volti di Al Jazeera, una delle più note emittenti all news a livello mondiale. Recentemente ha pubblicato un libro, “Gli italiani non sono pigri”, che indaga proprio il mondo dei connazionali all’estero. Con Barbara Serra commentiamo la storia di Francesca, e analizziamo lo stato del giornalismo tricolore, soprattutto in termini di opportunità per i giovani reporter.

Nella rubrica “Expats” restiamo nell’ambiente giornalistico: proprio un giornalista, Enzo Riboni, ha pubblicato negli ultimi mesi il libro “Addio per sempre?”, un’iniziativa assolutamente originale, che ha seguito nel tempo le storie dei giovani italiani emigrati – raccontate dallo stesso Riboni sulla carta stampata. Ha così scoperto che solo una sparuta minoranza di loro, a distanza di anni, è tornata in patria.

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di dicembre: Il Ministro Maria Chiara Carrozza a “Giovani Talenti” ha chiesto ai professori universitari “over 70″ di andare in pensione. Siete d’accordo? E nel caso, per combattere le baronie accademiche, perché non abbassare il limite a 65 anni?

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #universitagiovane

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Alla prossima puntata: sabato 21 dicembre, dalle 13.30 alle 14 (CET), su Radio 24. Vi aspetto!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: