sergionava

Ingegneri nel “Nuovo Mondo” della Silicon Valley

In Storie di Talenti on 4 novembre 2013 at 09:00

In questi dodici anni negli Stati Uniti, ho avuto svariate volte l’idea di cambiare aria, ma l’Italia non è mai stata una delle possibili candidate. Le esperienze dei miei conoscenti rimasti a casa vanno da stage non retribuiti, a dottorati di ricerca dove sono stati ritenuti degli “impicci”, considerati vecchi a 30 anni… e contemporaneamente “troppo giovani” per avere responsabilità, o troppo qualificati per la posizione“: Giovanni Bresin, ingegnere del software 37enne, descrive così -con poche parole- il potenziale attrattivo dell’Italia per i nostri migliori talenti all’estero. Nullo. O quasi.

Eppure Giovanni rappresenta una delle nostre punte di diamante nella “Mecca Tecnologica” della Silicon Valley: una laurea in Ingegneria Elettronica alle spalle, fin dagli ultimi mesi decide di partecipare attivamente al processo produttivo, entrando in una multinazionale della microelettronica per redigere la tesi. La sede è nel milanese: quando si laurea, con sua grande sorpresa, si vede offrire la possibilità di rimanere… ma a zero euro! “Trovai la cosa ridicola, se non offensiva: lavorare gratis a Milano per un’azienda da 50-60 mila dipendenti?!?“, riflette ora Giovanni con amarezza.

Scarta così un’offerta di lavoro in Germania, per imbarcarsi verso la terra dei sogni di ogni giovane professionista con la passione della tecnologia: la Silicon Valley. Gli basta un colloquio telefonico per approdare alla LSI Logic. Il primo impatto non è semplicissimo: Giovanni arriva a un solo mese di distanza dall’11 settembre, ferita ancora apertissima in un’America impaurita dall’incubo terrorismo. Ma le difficoltà durano lo spazio di un attimo: il primo anno vola, letteralmente, grazie a un lavoro “affascinante”. “Nonostante fossi alle prime armi, sviluppavo parti critiche del prodotto con responsabilità ed interazione diretta con clienti come LG o JVC e fornitori. In Italia invece, tipicamente, mostravo quello che avevo fatto al capo, che poi lo mostrava agli altri. Chiedevo in azienda strumentazione da migliaia di dollari e me la compravano subito…mi sembrava di essere a Disneyland!“, ricorda Giovanni.

Gli anni successivi rappresentano una scalata verso il successo: Giovanni passa dalla Lsi alla Cisco, per poi approdare nell’azienda “cult” di ogni giovane italiano. La Apple di Steve Jobs, dove resta due anni, lavorando su IPad e Ipod Touch. E assorbendo buona parte della filosofia aziendale che ha reso la “mela morsicata” un simbolo mondiale.

Nel 2011 avviene quello che potrebbe sembrare -a tutti gli effetti- un colpo di testa: Giovanni lascia la Apple e va a lavorare, insieme a un suo ex-capo, a un nuovo progetto, quello di un termostato ultratecnologico. Una piccola start-up formata da ex-dirigenti Apple, che nasce -come nelle migliori “favole made in Silicon Valley”- in un garage. Due anni dopo il progetto va a gonfie vele: Nest Labs occupa ora due edifici a Palo Alto.

Ospite della puntata è Andrea Mucignat, collega di Giovanni, anche lui al lavoro a Nest Labs, come ingegnere di sistema. Anch’egli friulano di origine, Andrea -a differenza di Giovanni- approda in Silicon Valley già prima della laurea, per poi rientrare in Italia e lavorare prma come assegnista di ricerca al Politecnico di Milano, poi come ingegnere del software in una multinazionale tedesca. Nel 2004 il ritorno in California: la strada con Giovanni, amico di vecchia data, si ricongiunge. Con Andrea affrontiamo più nel dettaglio le differenze lavorative tra Italia e Usa, nel settore tecnologico.

Nella rubrica “Expats” torna lo spazio “Andata e Ritorno”, con Aldo Mencaraglia e Lorenzo Pompei. Aldo ci spiega come superare il problema dei visti, per poter lavorare nei Paesi extra-UE, mentre Lorenzo si occupa delle opportunità di rientro in Italia per fondare start-up innovative (tema della puntata odierna).

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di novembre: “Di fronte al rischio declino l’Italia rivuole i suoi talenti ora all’estero – o dice di rivolerli. Le mosse degli ultimi due Governi vi convincono? Cosa fare di più? Cosa chiedete -in tre, concreti punti- al sistema-Italia, per tornare?”

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag della settimana: #ritornaremacome

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Alla prossima puntata: sabato 9 novembre, dalle 13.30 alle 14 (CET), su Radio 24. Vi aspetto!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: