sergionava

Lost in the EU?

In Storie di Talenti on 14 ottobre 2013 at 09:00

Non ho nessuna intenzione di tornare in Italia. I miei genitori emigrarono in Quebec dal 1965 al 1972, e si pentirono sempre di essere tornati, quindi me ne guardo bene. A meno che…” Lascia i puntini di sospensione Boris Meggiorin, a metà della frase, lasciando aperta la possibilità di un ritorno. O forse, della speranza di un ritorno. A 34 anni Boris è un Project Leader specializzato nella gestione di fondi europei a Goteborg, in Svezia.

Boris l’Italia l’ha lasciata dopo una laurea in Istituzioni, Economia e Politiche dell’Unione Europea. L’ha lasciata, dopo aver dovuto constatare suo malgrado la quasi assoluta mancanza di parametri fondamentali come curriculum e meritocrazia, nei processi di selezione. Boris definisce la società italiana “esclusiva”. L’opposto di “inclusiva”.

Coglie così l’occasione di una possibilità di lavoro a Barcellona, per trasferirvisi, in un appartamento in condivisione. Nella capitale catalana Boris cresce professionalmente, completa un master, e arriva a lavorare per il Governo regionale locale, la Generalitat, sempre nell’ambito della gestione di finanziamenti e progetti comunitari. Inizia anche a insegnare all’università.

Quando la crisi colpisce duramente la Spagna, alla fine della scorsa decade, Boris prende un’altra decisione netta: grazie ad un programma di scambio per giovani imprenditori approda in Svezia, dove viene assunto in un’azienda e impiegato nella gestione di progetti europei.

Per me oggi l’Italia è un posto dove lavorare è difficile, perché si rimane impigliati tra le raccomandazioni e la mancanza di responsabilità individuale: le gerarchie sono interminabili, molte persone con incarichi intermedi esercitano la propria funzione con mediocrità. In Italia paga la fedeltà, non il raggiungimento di obiettivi“, commenta amaro Boris.

Ospite della puntata è Elena Ferrario, Project Officer per un progetto interregionale europeo a Lille, in Francia. Con Elena commentiamo la storia di Boris e la confrontiamo con la sua – anche lei è approdata in una sfera lavorativa simile, ma -a differenza di Boris- ha avuto l’opportunità di lavorare prima in Italia.

Nella rubrica “Expats”torniamo ad occuparci dei libri-manuali scritti per aiutare aspiranti espatriandi a fare le valigie, cogliendo opportunità all’estero: oggi ci occupiamo di una guida utile a lasciare l’Italia per volare a Shanghai. Ne parliamo con Michele Soranzo, autore di “Shanghai, mai dire mai”.

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di ottobre: Europa, America o Asia? Quali sono le nuove mete di espatrio? Dove state orientando le vostre scelte di emigrazione?

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag della settimana: #espatriaremadove

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Alla prossima puntata: sabato 12 ottobre, dalle 13.30 alle 14 (CET), su Radio 24. Vi aspetto!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: