sergionava

Un Veterinario in Francia

In Storie di Talenti on 1 aprile 2013 at 09:00

Tra poco tornerò a lavorare presso la clinica equina dell’Università di Tolosa, in Francia. Finalmente ritroverò il piacere di fare il mio lavoro: il riconoscimento economico -e soprattutto professionale- che in Italia è un’utopia. Mi dedicherò alla formazione di giovani veterinari francesi, e all’attività clinica, con la sgradevole sensazione di essere una risorsa persa per l’Italia“: parola di Alessandro Vischi, 34enne veterinario ippiatra, che ha provato a dare ben due occasioni all’Italia. Invano.

Alessandro lascia il Paese per specializzarsi all’estero subito dopo la laurea: vola -in primis- in Belgio. “Non volevo fare stage gratuiti o -nella migliore delle ipotesi- essere sottopagato in nero presso qualche veterinario, come la maggior parte dei miei colleghi neolaureati“, denuncia. In Belgio sa di poter contare su una formazione veterinaria molto più orientata alla pratica, diversamente dalle università italiane, “completamente incentrate sulla teoria, al punto che capita di laurearsi senza avere quasi mai visitato un animale“. E’ anche per questo -rileva Alessandro- che i veterinari neolaureati in Italia, senza alcuna esperienza, accettano lavori a zero euro, pur di imparare quella pratica su cui si è sorvolato in ateneo. “Non mi paga, però imparo…“, si sente dire troppo spesso: “è l’impostazione pedagogica che è sbagliata“, denuncia. “Questa fase di apprendistato non sarebbe compito dell’università?

I mesi di specializzazione in Belgio da dodici diventano sedici, con un’esperienza presso la clinica equina dell’Università di Liegi di alto livello, semplicemente inimmaginabile in Italia. Alla fine di questo periodo avviene il primo tentativo di rientro in Italia: un dottorato, alla clinica equina dell’Università di Milano. “Forte dell’esperienza belga, ho pensato di essere una risorsa per l’università. Ma ho commesso il primo errore: la mia visione delle cose era profondamente cambiata“. Alessandro si trova immerso nell’immobilismo del sistema accademico italiano, senza fondi per la ricerca, con uno stipendio di mille euro mensili. Scrive una lettera di dimissioni, che resterà nella storia della facoltà: chi, in Italia, ha il coraggio di rinunciare a un dottorato?

Alessandro ce l’ha, e dopo una serie di curricula inviati, trova lavoro per sette mesi in una clinica veterinaria francese. L’esperienza gli fornisce l’ispirazione per tornare una seconda volta in Italia, con il progetto di aprire una propria clinica, in società con uno o due colleghi. Ad accoglierlo, però, trova però solo il deserto di un Paese dove manca semplicemente la voglia di mettere in piedi qualsiasi tipo di iniziativa. “Un vero e proprio stato di depressione, di accettazione dello status quo, senza nemmeno pensare di potersi opporre“, denuncia Alessandro.

L’ultimo espatrio, in due tappe, avviene nuovamente all’Università di Tolosa: la prima volta, a settembre. La seconda è già in programma per il mese di maggio.

Ospite della puntata è Carla Bernasconi, vicepresidente della Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani e presidente dell’Ordine Veterinari di Milano. Con lei commentiamo non solo la storia di Alessandro, ma anche la situazione dei giovani veterinari in Italia. Che, dati alla mano, appare realmente preoccupante.

Nela rubrica “Expats”, come ogni ultimo sabato del mese, diamo spazio alle lettere nei nostri ascoltatori: oggi ascoltiamo quella di Andrea. Anche lui, come Alessandro, ha provato a dare una seconda possibilità al suo Paese. Anche lui, come Alessandro, è però dovuto nuovamente riemigrare, dopo un’esperienza di lavoro semicatastrofica nella Penisola.

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di marzo: Classe dirigente “zero tituli”, non qualificata in Italia… e classe dirigente altamente qualificata all’estero, con lauree e master importanti, ma spesso obbligata ad andarsene per mancanza di opportunità nella Penisola: non è questo il vero -drammatico- paradosso italiano? Come rimediare, come riportare al timone del Paese professionisti e talenti con i titoli e le competenze giuste? Facendoli rientrare dall’estero?

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag della settimana: #zerotitoli

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Alla prossima puntata: sabato 6 aprile, dalle 13.30 alle 14 (CET), su Radio 24. Vi aspetto!

Annunci
  1. Ciao Alessandro, tantissimi in bocca al lupo! Toulouse è una città deliziosa, dove ho passato 5 anni belli ed istruttivi. Mi son trovato benissimo, la Francia è un gran bel Paese, mi manca molto. La città ha la dimensione giusta, certo ora il traffico è molto aumentato, ma anche i mezzi pubblici sono stati potenziati. Il centro della Ville Rose è molto bello, il lungo fiume affascinante, le Canal du Midi piacevolissimo. Si mangia veramente bene! Nei dintorni molte belle cità da visitare. Mare e montagna a buona distanza. E gli abitanti sono veramente squisiti: mantengo ancora grandi amicizie a cui sono molto legato. Il francese “tipico” lo devi conquistare e devi raggiungere la sua fiducia. A quel punto, se lo vuoi, sarà amico per sempre.
    Bonne chance !
    alfredo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: