sergionava

Sei domande in vista delle elezioni

In Declino Italia on 13 febbraio 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Qualche dato su cui riflettere, in attesa di altre -interessanti- statistiche sulla fuga dei talenti, che vi preannunciamo per il weekend:

-nel 2012 l’industria italiana ha perso il 6,7% in termini di produzione. E’ stato l’anno peggiore, se consideriamo un periodo che inizia nel 1990. E nel 2013, secondo il Centro Studi Confindustria, le cose non dovrebbero migliorare molto;

-il 2012 ha chiuso negativo in tutti i comparti dell’industria: i volumi produttivi sono ormai in gionocchio;

-secondo un’analisi Intesa-Prometeia, la manifattura italiana perde 100 milioni di euro al giorno. Perde nettamente chi punta sul mercato interno, riesce invece a guadagnare chi porta i propri prodotti sui mercati esteri: il problema, rilevano gli analisti, è che le nostre imprese esportatrici sono appena il 4% del totale, un terzo rispetto alla percentuale tedesca – senza contare che sono troppo piccole;

-secondo un recente articolo de Il Sole 24 Ore, l’Europa industriale viaggia ormai a due velocità: mentre Francia, Germania e Inghilterra tengono o guadagnano quote, Italia e Spagna perdono competitività;

-a proposito di compettività, l’hedge fund Bridgewater, dell’italoamericano Ray Dalio, ci mette all’ultimo posto in classifica, dietro persino la Grecia, prevedendo una contrazione del Pil tricolore pari all’1% annuo lungo tutto il prossimo decennio. Ci sono problemi culturali, oltre che strutturali, sottolinea il rapporto. E’ come se il sistema-Paese, sommando una serie di comportamenti dannosi, avesse ormai rinunciato a crescere;

-per chiudere con i giovani, secondo Datagiovani, in 20 anni il nostro Paese ha perso oltre 2 milioni e 800mila under 25. Solo in Spagna la riduzione è stata più ampia. Il peso dei giovani si è contratto di 5,6 punti in 20 anni. Ora contano solo per il 10% sul totale della popolazione. Per paradosso, 2,1 milioni di loro sono inattivi, o Neet.

Una campagna elettorale seria, in un Paese serio, dovrebbe porsi delle domande precise:

-perché la nostra industria perde colpi? E’ un problema solo congiunturale, o anche strutturale?

-forse abbiamo perso competitività? Forse il “piccolo è bello” è un mito che ci ha fatto perdere posizioni in tutte le classifiche? Forse dovremmo cominciare ad aggregare le imprese?

-e una volta che le abbiamo aggregate, forse non dovremmo cominciare a remare tutti nella direzione degli investimenti in ricerca e sviluppo? Insomma, nell’innovazione? Forse è giunto il momento di cambiare pelle al nostro tessuto industriale, spingendo con decisione le imprese ad alto contenuto innovativo, favorendole rispetto a quelle che stanno ormai uscendo dal mercato?

-poiché i mercati esteri rappresentano sempre più lo sbocco necessario per produrre e vendere, non avremmo forse sempre più bisogno di internazionalizzarci? E a questo proposito, non servirebbe una classe dirigente giovane, aperta alla globalizzazione, con significative esperienze all’estero?

-un Paese che vede sempre più assottigliarsi la quota di giovani e aumentare quella degli anziani, che futuro avrà? E se a questo aggiungiamo che la generazione dei (pochi) giovani rimasti è -nei fatti- una generazione perduta, dove pretendiamo di andare?

-infine e per riassumere, da dove ripartire? Forse rinnovando totalmente la nostra classe dirigente? Offrendo a chi è oggi all’estero posizioni apicali nel settore pubblico e privato, per tornare e reinventare da zero un modello-Paese?

Questi sono i dati-chiave di un Paese di fronte alla più importante campagna elettorale degli ultimi 20 anni. Queste sono le domande da porre.

Tutto il resto sono chiacchiere. Tutto il resto è un fallimento annunciato. E una decadenza certa. Forse lenta. Ma certa.

Annunci
  1. Ciao, la cosa che mi sconcerta maggiormente leggendo questo articolo (che e’ scritto in modo veramente chiaro ed intelligente) e’ che dimostra una grande consapevolezza, saggezza e lungimiranza. Trovo si tratti di un’analisi comprensibile a tutti, ma forse mi sbaglio. Perche’ non riesco a capire come sia possibile, nei piani alti della gerarchia che gestisce e governa il Paese, non vedere e non prendere coscienza di questi elementi cosi ben descritti. Poi mi rinsavisco e capisco. Il disinteresse. Gli obiettivi di chi guida non sono, evidentemente, questi. Piccolo e’ bello? Si, sono d’accordo. Pero’ serve anche networking ed aggregazione, serve la media e la grande industria. Se non altro a protezione del Paese, perche’ il medio/piccolo sa fare grande innovazione ed e’ veloce ed adattabile, ma il grande puo’ far fronte alle grandi sfide nazionali, come costruire centrali energetiche o infrastrutture. Abbiamo bisogno di un radicale turnover, ma a condizione che il nuovo non sia una emanazione dell’attuale, senno’ cambieranno solo le facce e non le modalita’ di agire. I giovani? Spingiamoli a girare il mondo, a fare esperienza, a studiare ed ad acquisire competenze. Ma poi facciamoli tornare, altrimenti il paradosso e’ che paghiamo le tasse per avere le universita’ dove si formano i manager che faranno la ricchezza dei nostri competitor…Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: