sergionava

Parole per cominciare il 2013

In Giovani Italians on 1 gennaio 2013 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Giorgio Napolitano, Presidente della Repubblica: “C’è in Italia una nuova emigrazione, favorita dalla crisi economica e dalla difficoltà di trovare lavoro. […] Le politiche rivolte a favorire la ripresa economica, attraverso investimenti in innovazione e ricerca, costituiscono un importante incentivo a restare per chi è già all’estero a rientrare, riportando in Italia competenze arricchite dalle esperienze acquisite. Anche gli italiani, emigrati in massa in passato, non hano mai smesso del tutto di cercare lavoro all’estero, in particolare ora che la condizione della nostra economia non sempre consente a lavoratori specializzati e a giovani ricercatori e professionisti di vedere adeguatamente valorizzate le proprie competenze e professionalità” – MESSAGGIO PER LA GIORNATA INTERNAZIONALE DEL MIGRANTE.

Mario Monti, Presidente del Consiglio (dimissionario): “L’Italia per crescere ed essere competitiva ha bisogno non solo di formare giovani di qualità ma di consentire ad essi di essere pienamente attivi nella società e nel mondo produttivo. Nel corso di questa legislatura e in particolare in questo ultimo anno il Governo e il Parlamento hanno adottato numerosi interventi per favorire i giovani e la mobilità dei talenti, dalla legge Controesodo, alla eliminazione delle barriere all’entrata nelle professioni e in vari settori economici, alla riforma del mercato del lavoro, alle norme per le start up. Molto però rimane da fare. Avete messo al centro della vostra azione il ruolo e il contributo degli italiani che si trovano all’estero. E’ una scelta giusta perché sempre più giovani decidono di trascorrere un periodo di formazione e lavoro all’estero, spesso per scelta, altre volte per trovare una uscita di sicurezza da un Paese che non ne riconosce il talento e non offre opportunità adeguate. Mi rende sempre fiero incontrare all’estero connazionali che si distinguono per le loro capacità, il loro impegno e valore, in qualunque settore essi abbiano scelto di realizzarsi, e che, come è stato detto, “onorano l’Italia con il loro lavoro”. Avere talenti al di fuori dei propri confini non è di per sé un dato negativo. Il talento ha bisogno di andare dove meglio può realizzare il suo potenziale. Ma occorre investire nell’obiettivo di rendere questi passaggi temporanei, se possibile, facendo in modo che alla spinta ad uscire dal nostro Paese corrisponda una capacità almeno equivalente del nostro Paese di far tornare coloro che lo desiderano o di attrarre talenti stranieri. Per questo credo che sia molto positiva la scelta di mettere a confronto le esperienze di chi ha deciso di recarsi all’estero con quelle di coloro che, dopo un periodo all’estero hanno deciso di rientrare in Italia. Quella di rendere più attrattiva la realtà italiana è una sfida complessa e di ampio respiro. Il vostro impegno è un contributo fondamentale. Far dialogare i giovani talenti espatriati con le istituzioni e le aziende italiane è senz’altro una strada virtuosa per valutare in modo costruttivo le misure messe in campo a livello nazionale e territoriale e proporre ulteriori soluzioni di miglioramento” – MESSAGGIO A MEETALENTS 2012

Vittorio Taviani, regista: “Non vi fate mettere sotto, incazzatevi. Viva le forze nuove che stanno arrivando” – DISCORSO AI GIOVANI REGISTI

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: