sergionava

I Documentari raccontano gli italiani all’estero/2

In Fuga dei giovani on 1 novembre 2012 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Prosegue il nostro viaggio tra i documentari dedicati alla fuga dei giovani talenti all’estero. Oggi ve ne proponiamo altri due, realizzati nei mesi scorsi, che ci portano prima nell’altro emisfero… poi, in giro per il mondo.

Il primo documentario, “Bye Bye, dall’Austerità all’Australia“, radiofonico, ci fa volare agli antipodi: destinazione Australia, con la radio Sbs e la giornalista Marina Freri: “vi riproponiamo il nostro documentario, che ha ricevuto una “special commendation” agli United Nations Association of Australia Peace Awards. Circa diecimila italiani sono giunti in Australia lo scorso anno con permessi di lavoro da uno a quattro anni. Si tratta di un fenomeno di nuova emigrazione o di mobilità professionale? E cosa ne pensa il governo australiano?” Così recita la presentazione online.

CLICCA QUI PER ASCOLTARE “BYE BYE. DALL’AUSTERITA’ ALL’AUSTRALIA”

CLICCA QUI PER COLLEGARTI ALLA PAGINA WEB

Il secondo documentario, “Emergency Exit“, ha per protagoniste le storie, le vite e le emozioni dei giovani che hanno lasciato l’Italia in cerca di opportunità e di un futuro migliore. Ovviamente all’estero. Alcune testimonianze di personaggi noti arricchiscono il mosaico. Qui sotto ne potete visionare un piccolo assaggio. Ne vale veramente la pena.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: