sergionava

“Messaggeri” nella Waste Land?

In Fuga dei giovani on 30 ottobre 2012 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Un giovane su due vuole andare all’estero, rivela l’ultimo studio Istud, che smentisce in un sol colpo molti luoghi comuni sui cosiddetti “bamboccioni” italiani.

Che poi lo si faccia per davvero o meno, considerate le acque perigliose in cui vivono le nuove generazioni, è ovviamente da verificare. Ma la tendenza è ormai manifesta. Addirittura, tra chi ha svolto un Erasmus, la tendenza all’spatrio sale al 62%. Tra le méte preferite, l’Europa si conferma nettamente prevalente, rispetto agli Stati Uniti. La crisi e la difficile situazione in cui versa l’Italia hanno fatto aumentare il desiderio di espatrio di quasi dieci punti, in un solo anno, rivela la ricerca.

Ma non solo: in questa Italia che sembra sempre guardare al passato, che non riesce mai a liberarsi dei suoi scheletri, che non riesce neppure più “gattopardianamente” a cambiare le forme senza modificare la sostanza, riproponendo all’infinito vecchi volti ormai consumati da dosi spropositate di cerone, i giovani continuano a “votare con i piedi”, manifestando in modo chiaro il loro rifiuto: basti pensare all’inchiesta che l’Osservatorio Professione Donna ha realizzato in una delle aree più ricche del Paese, il NordEst.

L’indagine ha coinvolto una cinquantina di giovani veneti espatriati, analizzando i motivi della loro emigrazione: il 37% di loro ha confermato di essersene andato, perché l’Italia non offre le stesse opportunità. Il 33%, perché ha ricevuto una proposta importante. Per il 28% nella Penisola manca la fiducia nei giovani, per il 19,10% la possibilità di avviare nuovi progetti, per il 10% qui non si pianifica nulla. E poi c’è la “disillusione”: la disillusione di vedere i propri amici rimasti in Italia trovare lavoro in posizioni inadeguate (56,52%), e attraverso contatti famigliari (13%).

Dal Veneto a Ferrara: dove uno studio della Camera di Commercio ha messo nero su bianco come quasi un ferrarese su tre si sposterebbe all’estero, o almeno accarezzerebbe l’idea. Per il 79% di loro i giovani -in Italia- sono sottopagati.

Infine i costi: quanto ci costa mantenere una popolazione Neet così ampia? 32,6 miliardi di euro, secondo Eurofound, la fondazione UE specializzata nella consulenza sui temi del lavoro e delle condizioni di vita. Il 2,06% del Pil, quasi il doppio della media europea (1,2% del Pil). Parliamo di oltre due milioni di giovani Neet italiani, che non lavorano né studiano, fuori da qualsiasi prospettiva di futuro. Una cifra che  supera i tre milioni, se includiamo tutti i giovani sotto i 35 anni. Per percentuale della popolazione Neet sul totale dei giovani, facciamo peggio solo di Bulgaria e Grecia. Non c’è ovviamente da andarne fieri.

In questo quadro difficile e troppo spesso desolante, qualche piccolo segnale di speranza resta, per chi volesse contribuire -dall’estero- ad aiutare concretamente il proprio Paese: ne avevamo già parlato nelle scorse settimane, ma torniamo sull’iniziativa, per fornire qualche indicazione in più. Parliamo del bando per il progetto “Messaggeri“, nato per mettere in contatto giovani professori e ricercatori italiani all’estero con i loro omologhi negli atenei del Sud. Cliccando a questo link potete scaricare il bando di partecipazione. Attenzione: scade il prossimo 9 novembre!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: