sergionava

Giovani che non si arrendono: nuove regole per l’Italia

In Declino Italia on 18 luglio 2012 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Non è una generazione che si rassegna, quella dei giovani che vivono il difficile periodo della crisi. Alcune indagini in uscita mostrano anzi come -a fronte di un 50% di under 30 che intendono lasciare l’Italia- chi resta si adatta, anziché stare con le mani in mano, accettando pure impieghi non consoni al proprio percorso di studi. Non è facile resistere in un’Italia dove i salari sono bassi, la stabilità del lavoro traballa, e si finisce col fare lavori che poco hanno a che vedere col proprio background. Vi terremo aggiornati su queste statistiche e questi studi.

Un’altra Italia che resiste è quella dei giovani che provano a fare impresa, dentro o fuori dal nostro Paese: illuminante in questo senso l’incontro “Back to the Future”, giovedì scorso a Monforte d’Alba. A questo link potete trovare la cronaca della serata: clicca qui per leggere.

Ma al di là della cronaca, vorrei qui riportare le “ricette“, che i giovani imprenditori hanno elencato sul finire della tavola rotonda:

Loris Degioanni, uno dei più noti talenti italiani in Silicon Valley, ora Senior Director of Technology a Riverbed:

facilitare la creazione di start-up giovani, rendere il concetto del “fare impresa” qualcosa di positivo, un modello da seguire;

facilitare l’innovazione a livello legislativo, con norme ad hoc;

incentivare la crescita dimensionale delle aziende in Italia

Paolo Bassino, titolare dell’azienda piemontese GoToandPlay, tra i suoi clienti la Walt Disney:

insegnare la cultura dell’imprenditorialità fin dalla scuola;

incentivare gli investimenti e l’occupazione;

vagliare strumenti di finanziamento innovativo per facilitare la creazione di start-up in Italia

Andrea Baldini, venture capitalist a Early Bird Milano, dopo dieci anni passati tra Europa, Usa e Asia:

facilitare in ogni modo la creazione di start-up, in stretto collegamento con l’università;

legare crescita e sviluppo, con incentivi fiscali per smobilitare capitali e facilitare il business di chi investe

creare in Italia una cultura della “Exit”, tipica della fase matura delle start-up

Dejan Bosniakivic, titolare della libreria Janus, esempio di straniero che si fa imprenditore in Italia:

aprirsi al mondo, imparando dagli altri e riportando in Italia il meglio delle best practices estere;

favorire la cultura imprenditoriale;

lavorare per creare un’immagine di Italia che dia certezze all’estero, soprattutto agli investitori stranieri

Da questi dodici punti, frutto di un lungo brain-storming serale, si potrebbe ripartire. Si deve anzi ripartire. La nuova classe dirigente giovane è pronta, ma quella vecchia saprà farsi da parte?

Chiusura in musica oggi: l’invito a levarsi di mezzo, agli inamovibili 60-70enni -classe dirigente italiana- che occupano indebitamente le poltrone di comando, replicando schemi decotti e defunti, cooptando come arma di difesa giovani 30-40enni inetti quanto loro, lo lasciamo a questo splendido brano del gruppo 7Grani: LIBERA LA SEDIA!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: