sergionava

Italy: grow or go (out)!

In Declino Italia on 13 giugno 2012 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

“Cresci o esci”: mai come in questi giorni è di attualità il titolo dell’ultimo libro di Roger Abravanel (scritto con Luca D’Agnese), che ho cominciato a leggere con interesse lo scorso weekend.

Un volume che rappresenta un atto d’accusa mirato e chirurgico a un’Italia furba, che pensa sempre di farcela, che si inquieta quando arriva l'”uomo nero” (come direbbero gli spagnoli) a presentare il conto dopo l’abbuffata mai pagata, e che -soprattutto- si rifiuta di vedere i reali problemi della sua economia, continuando a coltivare falsi miti (ad esempio quello del “piccolo è bello”, ormai superato e frantumato dalla globalizzazione).

Una lettura obblogata fin dalle elementari, questo libro, e lo scrivo in modo totalmente spassionato. Roger Abravanel non è né mio amico, nè mio parente, nè mio zio… semplicemente qualcuno che scrive le cose per come stanno. Magari non avrà ragione al 100%. Ma al 90% sì.

I dati, come sempre dipingono uno scenario dal quale non si scappa: nel primo trimestre 2012 il Paese ha registrato una recessione, con una regressione del Pil pari al -0,8%. Calano le importazioni e rallentano le esportazioni. In Europa si fa apertamente il nostro nome, in quanto a possibilità di salvataggio, ora che anche il taboo spagnolo è stato infranto.

Frutto di un Paese squilibrato. Per le questioni economiche vi rimando all’ottimo libro citato sopra: qui mi voglio concentrare sui giovani. Illuminanti alcuni dati degli ultimi giorni.

Il quadro più completo è stato tracciato dal Centro Studi Confindustria, in uno studio presentato lo scorso weekend al Convegno di Santa Margherita Ligure. Ecco alcuni tra i dati più significativi:

-il 43% dei giovani trova lavoro grazie a famigliari e amici;

-il salario medio per gli under 35 è di 1123 euro, 1000 per le giovani donne;

-i salari crescono solo con l’anzianità;

-tra il salario di un 35enne e quello di un 65enne esiste uno scarto retributivo del 29%, differenza che sale fino al 92% se il confronto lo si attua tra laureati;

-il mercato del lavoro è chiuso ai giovani: alla poca flessibilità in entrata (un 25enne italiano ha il 25% di possibilità di trovare lavoro, contro il 35% del coetaneo tedesco e  il 45% dell’inglese), corrisponde una elevatà flessibilità in uscita;

-l’Italia investe in politiche attive del lavoro la metà delle risorse, rispetto alla Francia.

In conclusione, riassume il CsC (che ha realizzato lo studio con Banca d’Italia, Censis e Istat), quella italiana è “una società ancora molto familistica, dove scuola e lavoro appaiono come universi incomunicanti, i salari sembrano crescere solo con l’anzianità di servizio e non con il merito, e i giovani vengono esclusi dai posti di dirigenza“.

A ciò aggiungiamo che l’Istat ha annotato come nel triennio 2008-2011 la disoccupazione giovanile sia aumentata di ben 7,8 punti. E che, secondo l’Ocse, la spesa pensionistica nel Belpaese assorbe il 15,3% del Pil, cinque punti sopra la media. Welfare perso, per i giovani.

I dati sono eloquenti e parlano da soli. Crescere o uscire… ovviamente dal novero delle potenze industriali. E’ un destino così ineluttabile?

Annunci
  1. Innanzitutto complimento per il lavoro che fai su questo blog.Non credo vi sia in questo articolo qualcosa di sbagliato o di contestabile.
    Io ogni giorno mi chiedo perchè devo rinunciare a quello che ho studiato e nel quale ho una certa esperienza per fare il commesso.E quindi probabilmente e seriamente a mio malincuore emigrerò.Questo paese è la mia terra,e mi spiace lasciarla.Ma se si tratta di salvarsi,e continuare a coltivare i propri sogni invece che adattarsi bè allora devo emigrare.
    Sto provando a cambiare qualcosa nel mio piccolo,a creare sinergie tra miei ex compagni o colleghi per costruire qualcosa assieme,ma non avendo capitale e uno stato che mi/ci possa aiutare pare impossibile.
    Non si mangia di soli stage,i contratti a progetti mal pagati.
    Questa è l’amara verità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: