sergionava

Duecentoquarantanovesima puntata di “Giovani Talenti” – Radio 24

In Fuga dei giovani on 25 ottobre 2014 at 09:00

Duecentoquarantanovesima puntata di “Giovani Talenti“, la trasmissione di Radio 24 che vi racconta -ogni settimana- la nuova emigrazione professionale italiana.

Oggi torniamo a raccontarvi l’universo dell’Estremo Oriente, quale luogo di approdo per giovani professionisti italiani. Lo facciamo con una storia che ci porta a Hong Kong, prima di ampliare la nostra panoramica alla Cina.

Il tema di fondo sarà quello della proprietà intellettuale e degli studi legali (o delle aziende specializzate in IP)… ma, sotto la superficie, cercheremo di rispondere alla domanda fondamentale: la Cina è ancora una terra delle opportunità, per giovani italiani di talento e con una forte vocazione alle sfide interculturali?

Appuntamento -per saperne di più- alle 13.30 (CET) su Radio 24!

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di ottobre: La riforma del mercato del lavoro entra nel vivo: stavolta ci credete? Basta una seria riforma del mercato dell’impiego per evitare la fuga all’estero? Come dovrebbe essere, secondo voi, questa riforma? E per frenare l’esodo di giovane capitale umano dall’Italia, cosa serve – in più?

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #riformalavoro

Il link al blog del programma: CLICCA QUI

Le frequenze di Radio 24: CLICCA QUI

Il Podcast di Radio 24 (per chi volesse ascoltare la puntata registrata o si trovasse all’estero): CLICCA QUI

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

To Italy with love…

In Fuga dei giovani on 22 ottobre 2014 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Buone notizie, per i giovani espatriati: dopo il successo dell’iniziativa “Primo Approdo“, organizzata dal Consolato Italiano di Londra (630 partecipanti in dieci incontri… and counting), anche il Consolato Generale di Parigi vara un’iniziativa analoga.

In Francia si chiamerà “Primi passi a Parigi“: sottoforma di Ateliers, l’obiettivo sarà quello di scambiare esperienze e informazioni tra tutti coloro che -per lavoro o studio- sono appena approdati in Francia. Studi, attività professionale, famiglia e informazioni di carattere generale sono i temi al centro dei primi quattro incontri, in programma dal 6 novembre al 4 dicembre.

Per info e iscrizioni: segreteria.parigi@esteri.it - il numero di partecipanti per ciascun Atelier è di massimo 45 persone.

A proposito: la Francia si classifica al 40esimo posto fra le “Top Expats Destinations” dell’associazione internazionale “Internations”. Al primo posto l’Ecuador, seguito da Lussemburgo e Messico. Svizzera quarta, Stati Uniti quinti.

L’Italia? E’ solamente 53esima (su 61, in piena zona retrocessione!). Un’analisi più approfondita dello studio rivela dettagli interessanti: la Penisola spicca per qualità della vita (31esima), ma affonda se consideriamo il parametro “working abroad” (58esima) e “personal finance” (60esima!).

Insomma, solo il 43% degli “expats” al lavoro in Italia sono soddisfatti. Ancora più interessante osservare qual è la motivazione di maggioranza (relativa) che spinge gli stranieri a venire in Italia: l’amore (19%).

Sicuramente, anche questo è un parametro di “attrattività” da considerare. Ma, nell’era globale della competizione per i talenti… non può certamente essere il prevalente.

Dall’Italia all’Afghanistan. Grazie all’UE.

In Storie di Talenti on 20 ottobre 2014 at 09:00

La dura realtà da accettare è che in questo Paese non si rientra neanche accontentandosi, perché il lavoro è considerato troppo spesso come merce di scambio, ed è quasi sempre considerato un “favore”, che viene fatto alla persona assunta“. Parole durissime, ma estremamente veritiere, quelle di Pietro Ienna, Task Manager for Communication, Media and Visibility per l’Unione Europea in Afghanistan. Pietro ha sperimentato tutto questo sulla propria pelle, quando ha provato a rientrare, per offrire il proprio contributo, la propria professionalità e le proprie competenze all’Italia.

Una laurea in Relazioni e Politiche Internazionali alle spalle, Pietro scopre l’Europa -come centinaia di migliaia di suoi coetanei- con il programma di scambio Erasmus. Il progetto di unificazione continentale gli resta così nel cuore, che si candida con successo a due Master nel cuore del Vecchio Continente. Prima all’Università di Lovanio, poi nel campus del Collegio d’Europa di Natolin.

Esperienze importanti, che gli procurano la chiave d’accesso a Bruxelles: Pietro vi resterà per sette anni, alternando lavori all’interno delle istituzioni europee con impieghi presso aziende private.

Nel 2012 lascia la capitale belga, per lavorare nella Repubblica Democratica del Congo, come volontario ONU. Alla fine di quella esperienza, e “dopo numerose riflessioni“, Pietro decide che è ora di tornare a casa, in Italia. La sua idea è quella di offrire la propria professionalità e competenze nel settore dei fondi europei, di cui tutti qui parlano, ma che nessuno sa veramente sfruttare al meglio (si vedano gli spaventosi ritardi e sprechi nella loro implementazione – e si prendano Spagna e Polonia come metro di paragone, per osservare il nostro fallimento).

La prima delusione arriva con una “start-up” bolognese: Pietro si vede rifiutare un colloquio via Skype o telefonico. La norma, in Europa, quando il candidato si trova ancora all’estero. In Italia, invece, un qualcosa di ancora sconosciuto. Pietro non si rassegna, rientra ugualmente nel Belpaese e ci prova: nulla, solo porte in faccia. “Sapevo che non sarebbe stato facile, ma mi dicevo che vantare un CV internazionale avrebbe potuto rappresentare un punto di forza, rispetto ad altri candidati“. Nulla: la goccia che fa traboccare il vaso è l’ipotesi di assunzione presso un ente regionale. All’ultimo momento Pietro si vede sopravanzare da un candidato più “conosciuto”.

Bye bye Italia: Pietro rifà le valigie e prende al volo la prima occasione che arriva da Bruxelles. Partendo per una delle sedi di rappresentanza esterne dell’UE. Ora lavora in Afghanistan.

Ospite della puntata è Fabrizio Spada, direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione Europea. Con lui indaghiamo il patrimonio di competenze italiane a Bruxelles, che la Penisola sembra dimenticare un po’ troppo spesso…

Nella rubrica “Expats” vi parliamo di un interessante progetto fotografico, “The new Italian Diaspora”, realizzato a Londra da Eugenio Grosso. Storie di nuove emigranti Oltremanica, raccontate con la forza di uno scatto.

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di ottobre: La riforma del mercato del lavoro entra nel vivo: stavolta ci credete? Basta una seria riforma del mercato dell’impiego per evitare la fuga all’estero? Come dovrebbe essere, secondo voi, questa riforma? E per frenare l’esodo di giovane capitale umano dall’Italia, cosa serve – in più?”

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #riformalavoro

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Alla prossima puntata: sabato 25 ottobre, dalle 13.30 alle 14 (CET), su Radio 24. Vi aspetto!

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.094 follower