sergionava

Lo startupper che tornò per “restituire” all’Italia…

In Storie di Talenti on 22 settembre 2014 at 09:00

L’Italia non è ancora il Paese dell’Innovazione: ho tuttavia sperimentato un potenziale enorme tra i giovani, anche superiore a quello della Silicon Valley. Basterebbe solo piu’ coraggio e -soprattutto- fame di creare/cambiare, comprendendo che la scienza e la tecnologia sono lo strumento migliore di affrancamento culturale e promozione sociale. “Stay Hungry. Stay Foolish”, come disse anni fa Steve Jobs ai ragazzi di Stanford“. Il biglietto da visita di Vincenzo Di Nicola, 34enne ingegnere e startupper diviso tra Stati Uniti e Italia, racconta tutto della sua voglia di “restituire” al proprio Paese quanto di meglio appreso e realizzato all’estero.

Partito per gli Stati Uniti seguendo le orme del nonno (anche lui emigrato Oltreoceano diversi decenni prima), Vincenzo -iscritto a Ingegneria Informatica- molla le ancore verso l’Università di San Diego, dove resta un altro anno come ricercatore.

L’approccio allo studio americano mi aveva davvero affascinato: meno “filosofia” dell’ingegneria, e molta piu’ sostanza pratica nel costruire progetti per il mondo reale“, ricorda Vincenzo a distanza di anni.

Negli anni successivi decide di abbandonare la carriera accademica, nella quale si stavano aprendo interessanti opportunità per lui, per intraprendere quella aziendale: Yahoo! e Microsoft rappresentano le prime fondamentali esperienze in quetso senso, prima che -insieme ad un amico- nascesse l’idea di fondare una propria start-up.

Vede così la luce Go Pago, innovativa azienda pensata per ridurre i tempi di ordine, acquisto e ritiro di cibi e bevande presso i principali negozi e catene USA. Il tutto attraverso uno smartphone. GoPago rappresenta a tutt’oggi una delle iniziative di maggior successo di giovani startupper italiani negli USA. Nove mesi fa l’azienda è stata venduta ad Amazon, per una cifra mai rivelata.

Vincenzo nel frattempo è tornato in Italia: sta valutando vari progetti, con l’obiettivo di far nascere qualcosa di importante qui. “Give back”…

Ospite della puntata è Roberto Bonzio, giornalista e ideatore del sito “Italiani di Frontiera”, nato per raccontare le storie di italiani che in California ce l’hanno fatta, a qualsiasi “latitudine storica”. Con Roberto approfondiamo il concetto del “give back”.

Nella rubrica “Expats” torniamo a parlare di ricerca, raccontando Recif, una nuova rete nata con l’obiettivo di mettere in contatto i ricercatori italiani in Francia. Ce ne parla Borna Scognamiglio, vicepresidente di Recif.

Ascolta la puntata collegandoti alla pagina di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

Leggi il blog di “Giovani Talenti” sul sito di Radio 24: CLICCA QUI

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di settembre: Tema Liberalizzazioni: quanto un’economia ingessata danneggia i giovani e le loro prospettive di carriera? Come liberalizzare l’economia italiana e aprire nuovi spazi per i giovani, evitandone la fuga all’estero? Questo Governo ha fatto abbastanza?”

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #liberalizzazioni

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Alla prossima puntata: sabato 27 settembre, dalle 13.30 alle 14 (CET), su Radio 24. Vi aspetto!

Duecentoquarantaquattresima puntata di “Giovani Talenti” – Radio 24

In Fuga dei giovani on 20 settembre 2014 at 09:00

Duecentoquarantaquattresima puntata di “Giovani Talenti“, la trasmissione di Radio 24 che vi racconta -ogni settimana- la nuova emigrazione professionale italiana.

Ricominciamo la serie di storie del programma partendo dal “give back“: concetto alla base della riconnessione dei nostri migliori talenti con l’Italia. “Give back” come “restituzione” al proprio Paese di origine di quanto di meglio imparato all’estero.

Oggi ai nostri microfoni una storia esemplare in questo senso, che lancia un trait d’union fra Slicon Valley e Italia.

Appuntamento -per saperne di più- alle 13.30 (CET) su Radio 24!

+++PARTECIPA ALLO SPAZIO “INTERNACTIVE”+++

La discussione di settembre: Tema Liberalizzazioni: quanto un’economia ingessata danneggia i giovani e le loro prospettive di carriera? Come liberalizzare l’economia italiana e aprire nuovi spazi per i giovani, evitandone la fuga all’estero? Questo Governo ha fatto abbastanza?.

Inviate le vostre lettere/spunti/riflessioni, specificando il Paese di residenza, a: giovanitalenti@radio24.itI migliori contributi saranno pubblicati sul blog ufficiale della trasmissione e letti in onda alla fine di ogni mese.

Iniziativa Twitter – Hashtag del mese: #liberalizzazioni

Il link alla pagina web del programma: CLICCA QUI

Il link al blog del programma: CLICCA QUI

Le frequenze di Radio 24: CLICCA QUI

Il Podcast di Radio 24 (per chi volesse ascoltare la puntata registrata o si trovasse all’estero): CLICCA QUI

SEI UN GIOVANE “UNDER 40″ ESPATRIATO ALL’ESTERO? VUOI RACCONTARCI LA TUA STORIA? Per contattare la trasmissione: giovanitalenti@radio24.it

Generation E

In Fuga dei giovani on 17 settembre 2014 at 09:00

ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”! SOTTOSCRIVI L’OPZIONE CLICCANDO “FOLLOWING” IN FONDO A QUESTA PAGINA!

Oggi vi segnaliamo un interessante progetto, che prova a misurare -quantitativamente e qualitativamente- la nuova emigrazione italiana.

Si chiama “Generation E“, o “Generazione E”: si focalizza sui giovani emigrati dai Paesi più colpiti dalla crisi, quali Italia, Grecia, Spagna e Portogallo.

Attraverso un rapido questionario, che prevede il racconto della propria storia, i giovani potranno spiegare i motivi che li hanno portati a lasciare il Paese di origine, per cercare un futuro altrove.

Il progetto è curato da un gruppo di giornalisti, in collaborazione con diverse testate europee e con l’organizzazione Journalismfund.eu

Per collegarti al questionario e al sito di “Generazione E” CLICCA A QUESTO INDIRIZZO WEB

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.076 follower